Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca

Corse saltate al Caprilli, la rabbia di Salvetti: "Un'offesa e uno sgarbo alla città, decisione inconcepibile"

La rabbia del sindaco per la scelta dei fantini di non correre a Ferragosto: "Durante il sopralluogo la pista era risultata idonea, c'è stato un cortocircuito inspiegabile"

"Una scelta inconcepibile e inaccettabile, un'offesa e uno sgarbo a tutta la città di Livorno". È visibilmente deluso il sindaco Luca Salvetti nel commentare l'annullamento delle corse al Caprilli previste per Ferragosto a causa delle mancate iscrizioni da parte dei fantini alle sei riunioni che erano in programma. Tutto sembrava pronto e anche il Ministero aveva modificato il calendario per permettere la disputa delle gare, ma poi è arrivato lo stop definitivo da parte delle associazioni di categoria. Una scelta duramente contestata anche dal gestore dell'impianto di viale Italia, Silvio Toriello, che l'ha definita "vergognosa" e anche dalla rappresentante del Mipaaf Sveva Davanzo che si è detta "profondamente amareggiata per l'accaduto". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Livorno, annullate le corse al Caprilli. Salvetti: "Assurdo"

Eppure, carte alla mano, non ci sarebbero dovuti essere problemi relativamente alla tenuta del Caprilli e della sua pista: "Abbiamo fatto tutto il necessario ricevendo anche l'ok da parte del ministero - sottolinea Salvetti -. Intorno alla decisione di riaprire l'ippodromo per le corse ho letto di tutto e quello che mi viene in mente sono solo cattivi pensieri e lascio ad altri il compito di esprimersi su tutte le varie congetture che sono uscite". 

Salvetti poi attacca i fantini per essersi tirati indietro: "Sono venuti a fare una prova per testare le condizioni della pista e nella mail inviata da Francesca Turri in rappresentanza dell'Ang (Associazione nazionale galoppo) era scritto che l'avevano trovata perfettamente agibile. Poi c'è stato un cortocircuito che non capisco e che non voglio spiegarmi". 

Ippodromo Caprilli (2)-2

"L'ippodromo resta aperto per gli altri eventi"

Le attività collaterali al Caprilli non si fermeranno: "Il nostro percorso di recupero della struttura continua. Tengo a precisare che l'ippodromo è aperto come parco pubblico e luogo di eventi ai quali hanno assistito già 4mila persone. E tante altre ne verranno con il festival Cortomuso. A chi critica il nostro impegno economico vorrei far presente che l'impianto era completamente abbandonato e senza neanche un custode con atti di vandalismo quotidiani che constavano migliaia di euro. I lavori non sono finiti e dei fondi destinati, al momento, ne abbiamo usati solo 500mila euro, cifra necessaria per far ripartire la struttura". 

"Gli animalisti pensino anche a Merano"

Salvetti, per ultimo, risponde anche all'talian Horse Protection Onlus: "Il presidente non è mai venuto a vedere la pista quindi vorrei sapere come fa a dire che non è agibile. Per quanto riguarda il caldo, mi aspetto che vada a fare un sopralluogo a Merano o in altre località dove si corre alle 15 con 35 gradi e muovere le stesse critiche che ha fatto a noi. Il nostro Comune vuole da sempre bene agli animali come testimonia quanto fatto per il canile". 

caprilli2-2

Il ministero: "Profondamente amareggiati"

Dure parole anche dal Mipaaf: "Abbiamo assistito alle prove fatte dai fantini - sottolinea Sveva Davanzo - e tutti hanno espresso la propria soddisfazione. A chi diceva che voleva correre solo una gara abbiamo risposto che eravamo disposti a sistemare il terreno tra una riunione e l'altra risolvendo così i problemi di tenuta. Purtroppo a questa nostra proposta non è seguita alcuna risposta". 

Parole alle quali fanno eco quelle di Toriello: "Quanto avvenuto è ridicolo e non solo perché si dà per partente un cavallo senza neanche dire chi sarà il fantino. Con l'amministrazione abbiamo raggiunto un traguardo importante e la mancata presenza dei fantini è un qualcosa di vergognoso nei confronti delle istituzioni e vergognoso verso i livornesi. Il nostro auspicio è di poter correre a novembre e dicembre". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corse saltate al Caprilli, la rabbia di Salvetti: "Un'offesa e uno sgarbo alla città, decisione inconcepibile"

LivornoToday è in caricamento