rotate-mobile
Cronaca

Istituti comprensivi, il 10 novembre presidio delle scuole davanti al Comune: "Progetto con evidenti criticità"

La protesta di Borsi, Carducci, Mazzini e Micali: "Cittadinanza tenuta all'oscuro di tutto questo. L'offerta formativa sarà impoverita e sono a rischio alcuni posti di lavoro"

Le scuole Borsi, Micali, Carducci e Mazzini continuano a dire "no" agli istituti comprensivi, l'idea perseguita dall'amministrazione comunale che prevede l'accorpamento in un'unica realtà amministrativa di tre gradi di scuole (dalla materna alla scuola media). E per ribadire il loro dissenso, il 10 novembre parteciperanno a un presidio che si terrà davanti a palazzo civico in occasione del consiglio comunale: "Fino ad oggi - si legge nel comunicato diramato - nessuno ha voluto ascoltare i nostri pareri e suggerimento. È arrivato il momento di far sentire la nostra voce".

striscione comprensivi (15)-2

Secondo le scuole, il progetto ha delle "criticità che sono rimaste senza soluzione". Ecco i punti principali sui quali verterà il presidio: 

  • mancanza di investimenti nell'edilizia scolastica che facilitino questi accorpamenti; 
  • impoverimento dell'offerta formativa; 
  • impossibilità di delineare un Piano dell'offerta formativa in quanto le scuole non sanno quale sarà la loro organizzazione futura;
  • incapacità di fornire risposte tecniche su come saranno assegnati i docenti
  • contrazione delle segreterie e rischio di perdita di personale Ata; 
  • mancato approfondimento del problema dei trasporti. 

(nelle successive pagine è possibile leggere le posizioni delle scuole Borsi, Carducci, Mazzini e Micali sugli istituti comprensivi)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Istituti comprensivi, il 10 novembre presidio delle scuole davanti al Comune: "Progetto con evidenti criticità"

LivornoToday è in caricamento