rotate-mobile
Lunedì, 3 Ottobre 2022
Cronaca

Cartelli 'cercasi schiavo' in città, la rivendicazione di Usb: "Stop al lavoro nero, il Comune non chiuda gli occhi"

Nella giornata di giovedì scorso, 2 giugno, in Venezia sono apparsi molti manifesti che fanno riferimento alle condizioni offerte per i lavoratori stagionali. Il sindacato: "È l'ora di dire basta"

"Il Comune si può accontentare di riscuotere qualche euro di suolo pubblico o di contributo per Effetto Venezia chiudendo completamente gli occhi se nelle cucine lavorano decine di ragazzi al nero?". Dopo che nella giornata di giovedì scorso, 2 giugno, per le strade della Venezia sono apparsi molti cartelli che facevano riferimento alle condizioni offerte per i lavoratori stagionali da alcune realtà del settore, il sindacato Usb ha di fatto 'rivendicato' la paternità dell'azione, aderendo alla campagna che si sta tenendo a livello nazionale, gridando allo stesso tempo, forte e chiaro, "No al lavoro nero".

Il riferimento citato infatti è quello del ritorno della 'movida' per le strade della città e dell'organizzazione di molti eventi che coinvolgono bar, ristoranti e altre tipologie di esercizi del settore. Tutti alla ricerca di personale quantomeno per la stagione estiva. "In città - hanno scritto - oltre che alle feste sta dilagando il lavoro grigio e nero. Dilagano gli stipendi all'osso e lo sfruttamento. Quando ti va bene ti viene fatto un contratto di due poche ore a settimana e il resto 'fuori busta'. 30/40 euro per un turno al ristorante di 9 o 10 ore. Tecnici e operai del settore spettacolo assunti con contratti che nulla hanno a che vedere con quello di riferimento (e quindi senza versamenti Enpals per poter accedere ad eventuali bonus e aiuti)".

Usb: "Una piaga che sta dilagando, servono controlli e sanzioni"

Usb sostiene dunque la campagna 'cercasi schiavo' e, allo stesso tempo, invoca maggior controlli e sanzioni.  "Dietro a questa vetrina ci sono appunto loro - aggiungono - Ragazzi ragazze, uomini e donne costretti ad accettare, salvo rari casi, queste condizioni di lavoro. In questo contesto ci tocca anche sentire i soliti imprenditori "piagnoni" che sbraitano contro il reddito di cittadinanza. D'altra parte l'ha detto chiaramente proprio il presidente di Confindustria Bonomi: "l'Rdc fa concorrenza con i nostri stipendi".  500/600 euro di reddito, quando va bene, è quello che sono disposti a pagare questi parassiti".

Poi puntano il dito contro il Comune. "Non abbiamo ancora sentito una parola da parte del sindaco e dell'Amministrazione su questo tema - concludono - Si pubblicizza solo gli eventi senza mai specificare che la nostra città non può e non deve tollerare forme di lavoro nero e sfruttamento. Magari a partire proprio dalle società e ditte che si occupano degli allestimenti. Quest'anno verrà utilizzato il contratto nazionale di riferimento dello spettacolo?".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cartelli 'cercasi schiavo' in città, la rivendicazione di Usb: "Stop al lavoro nero, il Comune non chiuda gli occhi"

LivornoToday è in caricamento