Piazza Garibaldi, l'ampliamento del marciapiede scontenta residenti e commercianti: "Così più traffico e meno parcheggi"

La protesta degli abitanti: "I lavori andavano fatti, ma restringere la carreggiata è assurdo. In questo modo sono stati tolti posti auto e traffico e smog sono aumentati"

Che il marciapiede di piazza Garibaldi (lato fosso) dovesse essere rifatto, nessuno lo mette in dubbio. Ma i lavori di rifacimento e ampliamento stanno creando non pochi problemi ai residenti e ai commercianti della zona che lamentano una riduzione di parcheggi e un aumento di traffico e inquinamento, con i negozianti che già stimano un calo del fatturato. Il nuovo marciapiede andrà infatti a occupare buona parte della carreggiata dove prima sostavano le auto, in prossimità della vecchia sede della sezione nautica Magenta poi passata al San Marco Pontino. Non solo: il restringimento della carreggiata comporterà problemi di circolazione con incolonnamenti di vetture e motorini come dimostrato già in questi giorni.

"Il marciapiede andava rifatto era in pessime condizioni - le parole di chi abita in piazza Garibaldi e dintorni - ma allargandolo così si crea traffico e l'aria diventa irrespirabile. Una volta arrivati in fondo agli scali delle Cantine, che si voglia girare a sinistra per andare in via Garibaldi o a destra verso piazza del Repubblica, inevitabilmente si creano incolonnamenti di mezzi". 

Piazza Garibaldi, nuova illuminazione contro il degrado. Salvetti: "Maggiore sicurezza e vivibilità"

I commercianti: "In questa settimana abbiamo già visto un calo di lavoro"

lavori scali cantine piazza garibaldi (8)-2

"Da una settimana non viene quasi più nessuno - commenta Nino, titolare della pasticceria Luna Caprese -, stavo parlando con i miei impiegati per vedere cosa fare perché così non possiamo andare avanti, sto anche pensando di trasferirmi. L'allargamento del marciapiede ci penalizza perché le persone non trovano un posto dove sostare per ritirare le ordinazioni e in più si crea moltissimo traffico lungo gli scali delle Cantine nelle ore di punta".

Anche Stefania del negozio Passuello è della stessa opinione: "Da quando sono iniziati i lavori e c'è il cantiere i clienti sono diminuiti. Sarà complice anche il maltempo - dice - ma non avere la possibilità di fermarsi per lasciare una bici a sistemare è un problema, senza contare quando arriva il camion che mi deve consegnare il materiale, deve andare a parcheggiare lontano e poi fare i viaggi per portarmi il materiale". "Voglio anche aggiungere - continua Stefania - che in questo modo si crea molto smog, dovuto al tanto traffico. Io che sono abituata a stare con la porta del negozio aperta ho dovuta chiuderla perché l'aria diventa irrespirabile".

Stefano Russo, storico orologiaio della zona fa eco ai suoi colleghi: "Il traffico è aumentato e c'è spesso la fila, nessuno ci ha detto che tipo di lavori avrebbero fatto, solo poco fa ho scoperto che stavano allargando il marciapiede perché ho visto posare il cordolo".

I residenti: "Questa è diventata una camera a gas"

lavori scali cantine piazza garibaldi (7)-2

"Io abito in uno degli ultimi stabili - commenta Marco - la situazione è insostenibile, c'è molto più traffico di prima e tantissimo smog. Perché invece non indietreggiano il marciapiede in modo da creare due corsie e fare sì che chi deve andare verso piazza della Repubblica possa girare senza creare ulteriori code?".

Anche Matteo che abita in zona non è d'accordo sulla scelta di ampliamento del marciapiede: "In questo modo ci hanno tolto dei posti auto e hanno creato una strozzatura che comporta il formarsi di file. Senza considerare che qui è confluito il traffico di via Galilei, con un aumento notevole di mezzi che arrivano da piazza della Repubblica e rallentano ulteriormente chi proviene dagli Scali".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cinzia abita da sempre sul Pontino e anche lei, come gli altri residenti, non vede di buon occhio la soluzione adottata per il marciapiede di piazza Garibaldi: "Ma cosa vogliono fare, una nuova piazza? Cosi gli spacciatori vengono a fare confusione sotto le finestre. Il marciapiede andava rifatto, ma lasciato delle stesse dimensioni: ora si deve stare sempre con la finestra chiusa per evitare che le case diventino camere a gas. Vi vorrei far vedere le persiane come fanno presto a diventare nere senza contare i posti auto che ci hanno tolto". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Delirio in Piazza Attias | Carabinieri e Municipale aggrediti da una cinquantina di ragazzini con calci, bastoni e pietre

  • Tragedia in viale Boccaccio, volontario della Misericordia di Montenero muore a 73 anni dopo un incidente

  • Caos Livorno, tre croci e una testa di maiale sul campo dello stadio: "Pagherete tutto". Indagano i carabinieri

  • Piombino, violenta e deruba una 70enne sulla spiaggia: arrestato 35enne

  • Coronavirus, impennata di nuovi positivi: 176 tra Livorno e provincia, 1145 in Toscana. Il bollettino di giovedì 22 ottobre

  • Coronavirus Toscana, dal 18 ottobre i tamponi si possono prenotare online: ecco come fare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LivornoToday è in caricamento