Cronaca San Jacopo / Viale Italia

Lungomare, il controviale della Bellana cambia volto: percorsi ciclabili e niente auto. Il progetto

Tutto pronto per l’affidamento dei lavori. L’approvazione definitiva del piano da 1,6 milioni di euro firmata nei giorni scorsi dagli uffici di palazzo comunale

Il controviale della Bellana è definitivamente pronto a rifarsi il look. Con un progetto complessivo del valore di 1 milione e 670.000 euro, avviato dalla giunta Nogarin, l'area a due passi dal mare che parte dall'acquario e costeggia i bagni Nettuno, i bagni Tirreno e lo Scoglio della Regina diventerà infatti pedonale e sarà caratterizzata da nuovi percorsi ciclabili. L'ultimo passaggio tecnico, quello definitivo che precede ora l'affidamento dei lavori, è stato ratificato dagli uffici comunali lo scorso 7 aprile, e si tratta del rapporto di verifica conclusivo redatto dalla Società italiana servizi. 

Tutto pronto, dunque, dal punto di vista tecnico e progettuale, per passare alla fase operativa del piano con i lavori che, da cronoprogramma, dureranno non meno di 12 mesi. Interventi, come è stato specificato dall'amministrazione comunale, che comunque non inizieranno prima del mese di ottobre, ovvero quando sarà terminata la stagione estiva. Tutto ciò naturalmente nell'ottica di non danneggiare il lavoro degli stabilimenti balneari presenti in zona e delle altre attività. Il progetto, il cui schema definitivo è stato approvato lo scorso 30 aprile, con determina a firma del dirigente Roberto Pandolfi, prevede l'allontanamento delle auto con la conseguente pedonalizzazione dell'area, e la pista ciclabile pronta a ricollegarsi con quella che proviene da piazza Mazzini. 

Il progetto della Bellana

La questione dei parcheggi da destinare ad auto e scooter 

Uno dei nodi principali di questa riqualificazione è senz'altro rappresentato dalla questione dei posti auto attualmente disponibili, parcheggi che dovranno essere recuperati nelle zone limitrofe. Secondo la relazione tecnica del progetto, datato però ottobre 2018, a ‘venire in soccorso' saranno gli stalli del viale Italia, di via Fagni e quelli del parcheggio interrato di Porta a Mare. Il progetto, oltre a riportare come criticità la sosta senza controllo di auto e motorini e la presenza elevata di gas di scarico, ha posto l'accento anche sul verde del controviale, definito incolto e abbandonato, con tamerici e lecci "divenuti ormai - si legge nella relazione tecnica - deposito di immondizia".

Il progetto della Bellana

Una passeggiata tra la natura dei giardini e il mare 

L'obiettivo è dunque quello di trasformare questo spazio in una passeggiata tra la natura dei giardini e del mare, articolata in tre fasce distinte: la pista ciclabile larga 3 metri, la pedonale larga minimo 5,50 metri e realizzata con materiale pronto ad assorbire anche il passaggio saltuario di mezzi pesanti come ad esempio i furgoni dei fornitori a servizio delle attività sulla passeggiata e una fascia interposta e non continua nel quale risultano inseriti tutti gli elementi funzionali quali tamerici, panchine lunghe 3 metri con tre semplici parti di travertino (alcune anche con lo schienale), illuminazione, rastrelliere ed altro. L'affidamento dei lavori, che prenderanno il via ad ottobre, avverrà nelle prossime settimane e rappresenterà l'ultimo step prima dell'installazione dei cantieri che porteranno al cambio di look in una zona senz'altro suggestiva nonché frequentatissima di Livorno. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lungomare, il controviale della Bellana cambia volto: percorsi ciclabili e niente auto. Il progetto

LivornoToday è in caricamento