rotate-mobile
Cronaca

Maltempo Livorno, la ricognizione del sindaco: "Danni per un milione di euro esclusi i privati. I lavori? Già iniziati"

Il sopralluogo dei tecnici del Comune per la stima dei danni causati da piogge, vento e mareggiate: "Già partiti i cantieri. Eventuali opere a mare? Sarebbero necessarie, ma non sono di competenza dell'amministrazione"

La stima dei danni, più o meno precisa, nel primo dei giorni senza allerte meteo successivo ai cinque di maltempo. I lavori, invece, già iniziati per rimarginare quanto prima le ferite inferte da piogge, vento e mareggiate e proseguire così il piano complessivo per cambiare la città. Sono questi i punti salienti indicati dal sindaco di Livorno, Luca Salvetti, nella ricognizione fatta martedì 7 novembre, con un'attenzione particolare alla Terrazza Mascagni e al lungomare nel tratto compreso dalla Bellana alla Baracchina Bianca. Un milione di euro, circa, la conta dei danni per la parte pubblica, suddivisi in 700mila euro per le opere murarie, tra cui appunto la Terrazza, 250mila euro per il ripristino e la cura del verde pubblico e 50mila euro per l'impiantistica e le strade. Nessun danno, invece, alle tesature dell'illuminazione.

C'è poi tutto l'aspetto che riguarda i privati, quelli a monte nelle zone di Collnaia e Magrignano e quelli a mare. "Stiamo parlando degli stabilimenti balneari, dei gestori delll'acquario, del Surfer Joe e dei moletti fino ad arrivare a Chioma - dice il sindaco -. Abbiamo già avuto un incontro con i soggetti interessati, tra i 15 e i 20, chiedendo loro di produrre un'adeguata documentazione che verrà poi inviata a Regione e Governo. In media potrebbero essere tra i 20 e i 30mila euro a soggetto"

Maltempo Livorno, un milione di euro di danni: cantieri già aperti, le tempistiche per i lavori

Difficile stabilire le tempistiche per i lavori che il sindaco si augura comunque completati nel giro di poche settimane. "I lavori sono già partiti - dice Salvetti -, contiamo di riuscire a ripristinare tutto in poche settimane. E a questi, oltre agli stanziamenti annuali, aggiungerei un intervento complessivo che a mio avviso dovrebbe avere un rinforzo. Se questi eventi serviranno a dare un'accelerata al masterplan per il rifacimento del lungomare dalla Bellana alla Terrazza? Direi che un'accelerata doveva essere data una quindicina di anni fa, noi l'abbiamo data dal post Covid in poi e dal lungomare di Antignano fino ad arrivare alla Bellana di cose ne sono state fatte parecchie. Dobbiamo buttare giù le baracchine e poi rifarle: questo è il percorso e la volontà di accelerare l'abbiamo già data. Certo si scontra, o si sposa, con l'assegnazione dei lavori che non sempre sono semplici per le opere pubbliche. Il tutto  un lavoro incredibile che stiamo facendo per cambiare questa città".

Maltempo Livorno: alberi crollati, strade chiuse, allagamenti e traghetti fermi. Foto e video

Infine il punto sulla necessità di eventuali opere a mare per ridurre i rischi di nuovi possibili danneggiamenti. "Le opera a mare - conclude Salvetti - non sono di competenza del Comune. Ho sempre detto che la parte che subiva di più è quella davanti all'Hotel Palazzo e all'ex Pulcinella e forse una diga, o meglio una scogliera, a protezione di quel tratto lì potrebbe servire. Sta agli esperti, tuttavia, capire cosa succederebbe nelle parti d'intorno, ma a mimo avviso qui sarebbero indispensabili come d'altronde al moletto di Antignano".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maltempo Livorno, la ricognizione del sindaco: "Danni per un milione di euro esclusi i privati. I lavori? Già iniziati"

LivornoToday è in caricamento