rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Cronaca Venezia / Scali del Ponte di Marmo

'Mangiarebene Berebene', Livorno capitale dell'enogastronomia: in Fortezza Vecchia chef stellati e sommelier

Dal 24 al 26 giugno la prima edizione dell'evento inclusivo al quale hanno aderito importanti nomi della ristorazione stellata

Tre giorni all'insegna della cultura enogastronomica e della solidarietà. La Fortezza Vecchia dal 24 al 26 giugno è pronta a ospitare la prima edizione di 'Mangiarebene Berebene', appuntamento al quale hanno aderito importanti nomi della ristorazione stellata e della sommellerie italiana. Ben 18 chef stellati e pluripremiati, 15 best sommelier ed esperti di vino, 60 cantine di varie regioni italiane, per questa manifestazione dedicata all'enogastronomia gourmet, con stand e degustazioni che consentiranno di assaggiare piatti stellati ad un costo accessibile.

Un evento inclusivo, rivolto anche alle persone con disabilità - l'Authority ha attuato un progressivo abbattimento delle barriere architettoniche -, durante il quale sarà possibile contribuire ad azioni di solidarietà a favore di IN Associazione Paraplegici Livorno e dell'Associazione Afasici. Ad organizzare Mangiarebene Berebene, infatti, è l'omonima società fondata dal food & wine blogger livornese Emiliano Penco, invalido dopo un duplice incidente sul lavoro, che con il progetto 'Vita da Dandy' aiuta le persone con disabilità a sentirsi nuovamente parte integrante della società. La manifestazione sarà aperta venerdì 24 giugno dalle 17 alle 23, sabato 25 giugno dalle 17 alle 23 e domenica 26 giugno dalle 2:30 alle 18:30. Ogni giorno, ad orari prestabiliti, gli chef e i sommelier daranno vita alle degustazioni specifiche nella sala Cisterna della Fortezza Vecchia, mentre nella sala Canaviglia e nella Galleria Cannoniera resteranno aperti i banchi di assaggio Food & Wine.

"Un evento all'insegna dell'inclusività e dell'accessibilità, che ha come obiettivo la solidarietà e la resilienza"

L'iniziativa è stata presentata mercoledì 15 giugno in Comune. "Mangiarebene Berebene vuole mettere l’accento sull’inclusività e l’accessibilità - ha detto Emanuela Ferracchiato, tra gli organizzatori -. E dobbiamo ringraziare davvero tantissime persone e realtà che hanno reso possibile tutto questo, a partire dall'amministrazione comunale, l’Autorità di Sistema portuale, gli chef che hanno accettato di essere presenti in maniera del tutto gratuita, le associazioni di sommellerie che saranno tutte presenti e che daranno un fattivo contributo allo svolgimento delle degustazioni, per chiudere con gli sponsor, come Zona, Conflavoro, Alleanza in particolare, senza i quali la manifestazione non si sarebbe sostenuta. Tutti uniti per poter raggiungere l'importante risultato di solidarietà e resilienza".

"È un evento che ci incoraggia e ci indica una via su un particolare tipo di turismo, come quello enogastronomico, sul quale poter investire risorse e impegno per il futuro - ha detto l'assessore Rocco Garufo -. Livorno, anche grazie al lavoro delle associazioni di sommellerie del territorio si sta configurando sempre più come meta di turismo enogastronomico. Mangiarebene Berebene si inserisce in questo tessuto in crescita, con una qualità molto elevata. L'impegno da parte delle istituzioni deve essere quello non solo di accogliere queste manifestazioni ma di renderle strutturali, permanenti. L’amministrazione di Livorno vuole essere un'amministrazione accogliente per gli eventi di rilevanza nazionale come questo".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Mangiarebene Berebene', Livorno capitale dell'enogastronomia: in Fortezza Vecchia chef stellati e sommelier

LivornoToday è in caricamento