menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lions in lutto per la scomparsa a 55 anni di Manrico Soriani: "Sportivo sociale e brillante"

Allenatore e fondatore della squadra delle "Pecore Nere", era anche capitano dei "Rinocerotti". Il ricordo del Comitato toscano della federazione: "Ha sempre lavorato con passione e dedizione"

Lutto nel mondo del rugby livornese e in special mondo nella grande famiglia dei Lions. È morto, a 55 anni, nel pomeriggio di domenica 5 luglio, Manrico Soriani, ex giocatore del Cus Pisa e dei Quattro Mori livorno, nonché allenatore e fondatore della squadra delle "Pecore nere", formazione composta dai detenuti del carcere di Livorno, e capitano dei Rinocerotti, la rappresentiva Old dei Lions. A darne notizia è la stessa società livornese per la quale Soriani aveva allenato alcune formazioni giovanili: "Manrico ha passato l'ovale - si legge nella nota inviata -.  Impagabili il suo impegno nel mondo del rugby e la sua vocazione per il sociale. Sportivo brillante e affabile, lascia un enorme vuoto nella grande famiglia Lions e ai tanti amici che ne hanno apprezzato la grande generosità". 

"A nome di tutti i tesserati toscani - il commento del Comitato toscano della Federazione italiana rugby - portiamo le più sincere e sentite condoglianze per la prematura scomparsa di Manrico. Persona unica, degna di stima e amicizia, ha lavorato sempre per il mondo del rugby con passione e dedizione, donando a tutti il suo tempo e impegno. L’ultimo suo progetto con le carceri ha dato frutti insperati tra quei ragazzi, che hanno ricevuto da lui molta più attenzione e passione, di quanto la vita avesse dato loro fino ad allora. Ci stringiamo nell’abbraccio con tutti coloro, che lo conoscevano e lo amavano". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Panettone World Championship 2021, Lorenzo Cristiani vola in semifinale: "Soddisfazione enorme, risultato da condividere con l'intera famiglia"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LivornoToday è in caricamento