menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mascherine nelle edicole, scatta la protesta: "Aggrediti e minacciati, non le distribuiremo più"

Alcuni giornalai della città lamentano un comportamento scorretto da parte dei cittadini: "Non ci credono quando diciamo che le abbiamo finite"

Offesi, minacciati e, in alcuni casi, accusati addirittura di furto. Questo è quanto lamentano alcuni edicolanti del centro città che, da qualche giorno, stanno distribuendo gratuitamente le mascherine della Regione avendo aderito, spontaneamente, all'iniziativa promossa dalla Toscana. La situazione, stando a quanto raccontano, starebbe sfuggendo di mano: lunghe code fin dalle prime ore del mattino, ressa per accaparrarsi gli ultimi dispositivi e aggressioni verbali da parte dei cittadini. "Così non possiamo più andare avanti - gridano alcuni giornalai - da oggi smettiamo di distribuire mascherine, ne va della nostra incolumità".

Ieri, sabato 6 giugno, un episodio proprio non è andato giù a un edicolante vicino al Duomo: "Stavo aspettando il corriere - il suo racconto - ma le persone che erano in coda non mi hanno creduto pensando che volessi tenermi le mascherine per me. Lo stesso è successo ad altri miei colleghi che sono stati fatti passare per ladri". 

cartello no mascherine edicola piazza grande lato orefice galeni (1)-2

Mascherine, edicolanti in rivolta: "Offesi e fatti passare per ladri"

Andrea, gestore della struttura davanti al bar Sole in via Grande, spiega quello che sta accadendo: "Sono stato offeso dai clienti sia venerdì 5 che sabato 6 giugno - le sue parole – e tutto questo solo perché avevo il cartello 'mascherine terminate'. Più di una persona non mi ha creduto dicendo che le avevo nascoste. Quando poi arriva il corriere succede di tutto: gente che urla, assembramenti e persone che arrivano fin quasi dietro al bancone pur di accaparrarsi i dispositivi. Da ieri ho detto al corriere di non venire più perché sospendo la consegna". In quel momento, per fortuna, passava una pattuglia della finanza che, vista la situazione, si è avvicinata e ha calmato le persone. 

Momenti di tensione, ma anche di solidarietà. "Anche a me è capitato lo stesso episodio - sottolinea Stefano che ha l'edicola davanti a quella di Andrea - . Per questo ho deciso, come segno di vicinanza verso un collega aggredito, di non distribuire più i dispositivi. L'ho anche scritto sul cartello fuori al mio chiosco". 

cartello edicola via garibaldi-3

"Passare per disonesto per un servizio che faccio gratuitamente non mi sembra giusto"

Spostandosi in via Garibaldi, il clima che si respira è sempre lo stesso: "Spesso e volentieri vengo offeso - commenta Massimiliano - per un servizio che faccio gratuitamente, non mi sembra giusto. Finisco di consegnare le ultime mascherine e poi non le prenderò più. Ci sono molte persone che prendono il reddito di cittadinanza, vengano loro a fare questo lavoro visto che, dal mio punto di vista, non ne vale la pena".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LivornoToday è in caricamento