menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maturità 2020, studenti e professori in classe per la prova orale: "Non è stato un vero esame, ma..."

Le sensazioni dei ragazzi e dei docenti al rientro in aula tra misurazione della temperatura, gel igienizzante e distanziamento. L'Assessore regionale Grieco: "Adesso si torni in aula a settembre"

Dopo quasi quattro mesi dall'ultima campanella questa mattina, mercoledì 17 giugno, le scuole superiori hanno accolto i primi studenti impegnati nella prova orale della maturità, unico appuntamento di un esame destinato a passare alla storia. A farla da padrone sono stati il silenzio nei corridoi e le misure di sicurezza. "La didattica a distanza ha adulterato la realtà e messo in crisi tutti gli equilibri - sottolinea il professor Massimo Ghirlanda, insegnante di Lettere del Vespucci -, ma era l'unica soluzione. I ragazzi hanno dovuto rinunciare a tanti riti legati all'esame di maturità e hanno perso momenti che si possono vivere soltanto in quinta. È un peccato ma, alla fine, nel meccanismo della didattica a distanza l'esame è la cosa più normale".

Per l'occasione, l'assessore regionale all'Istruzione, Cristina Grieco, ha voluto fare di persona gli auguri agli studenti e per questo si è recata, nelle prime ore della mattina, al Vespucci: "Era importante che l'esame si svolgesse a scuola e non davanti a un pc - le sue parole - perché i ragazzi, con il lockdown, hanno subito un taglio netto con la loro quotidianità. A loro vanno i miei migliori auguri per un futuro radioso e anche per il futuro della scuola che, a settembre, deve ripartire". 

Maturità 2020, gli studenti livornesi: "L'ansia è tanta, fare lezione da casa non è come stare in classe"

Esame maturità 2020
Marta Alessandrà

Il sorriso di Marta Alessandrà racconta di un esame terminato e dell'ansia passata. "Sono contenta e soddisfatta - racconta -, stanotte non ho chiuso occhio ma è stata una fortuna essere la prima della classe ad affrontare l'esame. Mi sono mancati i miei compagni in questi mesi e posso dire che questo è stato un ultimo anno un po' triste". Sulla stessa linea d'onda anche Martina Terreni: "Gi ultimi mesi sono stati duri, fare lezione da casa non è come stare in classe. Inoltre, fino all'ultimo non avevamo ben chiaro come si sarebbe svolto l'esame e anche questo mi ha messo un po' in agitazione. Sono la prima della mia classe a fare l'esame e non so come andrà, spero bene". Leggera preoccupazione anche sul volto di Virginia Bianchi mentre si avvicina all'aula dove la commissione è già riunita. "Mi dispiace non poter vedere i sorrisi dei miei professori, nascosti dalla mascherina - confida-. Abbiamo perso l'anno che doveva essere il più bello perdendoci momenti che nessuno potrà resstituirci". 

"È mancata la percezione di essere davvero a un passo dall'esame"

Esame maturità 2020
Antonio Santonocino e Giovanni Tartarelli

"Sono agitato, manca poco al mio esame - racconta Giovanni Tartarelli, del liceo classico "Niccolini-Palli" -. Non ho vissuto questo momento come avrei immaginato, mi è mancata la percezione di essere alla fine del percorso scolastico, di essere a un passo dall'esame di maturità". Stesse parole anche per Antonio Santonocino: "Gli ultimi mesi sono stati diversi, un po' strani, ma comunque fondamentali. Sono contento di questi cinque anni, peccato per l'ultimo periodo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LivornoToday è in caricamento