Domenica, 21 Luglio 2024
Cronaca

Basket | Offese, minacce e scritte intimidatorie contro i tifosi Libertas al Palamacchia, i Rebels Pielle: "Vergognose, ci dissociamo". FOTO

Increscioso quanto avvenuto all'esterno del palazzetto, immediata la presa di posizione dei sostenitori biancoblù: "Non è questo lo stile che ci contraddistingue da decenni"

Offese, minacce e frasi discriminatorie. Questo il tono delle scritte contro i tifosi Libertas che qualcuno nella notte di oggi, sabato 15 giugno, ha lasciato sull'asfalto davanti al PalaMacchia. Un gesto stupido che niente ha a che vedere con questo sport e con il mondo ultras. Già perché un conto sono gli sfottò che sempre ci sono stati e sempre ci saranno tra supporter amaranto e della Pielle, ma qui siamo davanti a qualcosa che va oltre la sana rivalità tra le due tifoserie livornesi. Scrivere "Melorino zingaro", dare delle poco di buono alle "nuove leve" o promettere che "vi picchieremo presto" è un qualcosa di profondamente stupido scritto da chi certamente non appartiene ai Rebels e che rischia di ledere l'immagine di una tifoseria che si è fatta  conoscere nel tempo anche con gesti in favore della collettività come, ad esempio, le numerose donazioni di sangue al centro Avis

IMG-20240615-WA0072

Dopo la promozione in A2 della Libertas, anche davanti alla Farmacia Farneti, il cui titolare è il presidente della Pielle, era apparsa una scritta 'puppA2' ma queste sono intimidazioni pesanti dalle quali gli stessi Rebels si dissociano: "Ovviamente non abbiamo niente a che vedere con certi tipi di scritte apparse in questi giorni. Lo stile che ci contraddistingue da decenni è ben conosciuto. E non è questo. Così come sono vergognose anche altre scritte con nomi e cognomi. Screditano la nostra immagine rispettata, apprezzata da tutti e costruita con sacrifici e fatica". 

IMG-20240615-WA0073

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Basket | Offese, minacce e scritte intimidatorie contro i tifosi Libertas al Palamacchia, i Rebels Pielle: "Vergognose, ci dissociamo". FOTO
LivornoToday è in caricamento