rotate-mobile
Martedì, 4 Ottobre 2022
Cronaca

Montecristo, peschereccio contro gli scogli dell'isola riserva: aperte le indagini

L'imbarcazione avrebbe ignorato il segnale della capitaneria prima di incagliarsi sulla scogliera, violando l'area protetta: diffidato l'armatore

Saranno le indagini della capitaneria di porto di Portoferraio a chiarire i motivi della presenza di un peschereccio in acque vietate alla navigazione nell'area protetta del Parco dell'Arcipelago toscano. All'isola di Montecristo,per la precisione, nelle vicinanze di Cala Giuntichelli, dove una grossa imbarcazione di Porto Santo Stefano (foto Ansa) si è incagliata sulla scogliera dell'Isola intorno alle 4 del mattino di mercoledì 12 giugno, dopo che avrebbe violato il segnale radio di avviso della capitaneria.

Sub specializzati per osservare le condizioni ambientali della riserva naturale

Sul posto sono intervenute due motovedette inviate da Portoferraio: la prima per prendere in consegna l'equipaggio, 4 uomini trovati in buona salute, la seconda con a bordo sub specializzati per verificare le condizioni del peschereccio e quelle ambientali al contorno (secondo le prime osservazioni non si sarebbero verificati sversamenti) e quindi programmare le operazioni di recupero. Interventi che saranno coordinati dalla capitaneria di porto di Portoferraio e in stretto contatto con la direzione del Parco nazionale Arcipelago Toscano e con il comando del reparto carabinieri Biodiversità di Follonica, competente per la gestione di Montecristo. Adesso si indagherà per capire i motivi che hanno spinto il peschereccio a navigare in acque interdette nonostante l'avviso della capitaneria tramite segnale radio. Aspetti che cercheranno di chiarire gli inquirenti, nel frattempo l'armatore è stato diffidato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Montecristo, peschereccio contro gli scogli dell'isola riserva: aperte le indagini

LivornoToday è in caricamento