Cronaca

Monti livornesi, esposto in procura: "Sentieri ormai impraticabili, colpa delle moto"

Le associazioni della rete Occhi sulle colline hanno trasmesso alle autorità competenti un'ampia documentazione rispetto ai danni provocati nelle aree protette

Le associazioni che aderiscono alla rete di Occhi sulle Colline hanno trasmesso nei giorni scorsi alla procura della Repubblica di Livorno e alle autorità competenti un'ampia documentazione relativa alla "continua presenza di mezzi motorizzati (moto da enduro e/o altri mezzi a quattro ruote) sulla rete sentieristica delle aree protette dei monti livornesi". Evidenziando, al contempo, gravi criticita? e danni ai sentieri oggetto di tali passaggi. Di fatto mettendo "a rischio - aggiungono - l’incolumita? di coloro che fruiscono delle aree naturali tramite modalita? ecocompatibili e in linea con le vigenti disposizioni di legge".

Schermata 2021-07-05 alle 17.16.24-2

Colline Livornesi, chiuso l'accesso alla Strada dei Mille. Gli ambientalisti: “Tutelare i sentieri per gli escursionisti”

"No alle moto da cross sui sentieri delle aree protette"

Le associazioni, che hanno inviato la documentazione anche ai carabinieri forestali, alla polizia provinciale, alla Regione e ai comuni coinvolti, sperano in una "programmazione di interventi coordinata affinche? tali pratiche vengano interdette". Nelle foto allegate all'esposto presentato infatti si vedono i solchi formati dai mezzi che sono transitati sui sentieri, solchi all'interno dei quali a causa "del ruscellamento delle acque" si determinano "fenomeni di erosione tanto da rendere i sentieri del tutto o quasi impercorribili". Non è raro, secondo quanto affermato dalle associazioni, "che vengano deviati o allargati i tracciati dei sentieri perche? divenuti impraticabili a causa del passaggio delle moto da enduro con completa estirpazione della vegetazione e sbancamento del terreno". 

occhisullecolline 

Il dito è puntato anche sul "perdurante stato stato conflittuale con le proprietà private, provocato dai danni derivanti dal transito dei mezzi motorizzati che determina l’interruzione di sentieri storici e l’accesso ad aree protette di grande valore". Ciò che viene richiesto dalle associazioni, come detto, è la predisposizione di controlli efficaci che possano metter fine a determinate pratiche. 

(foto Occhi sulle Colline)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Monti livornesi, esposto in procura: "Sentieri ormai impraticabili, colpa delle moto"

LivornoToday è in caricamento