Cronaca Rosignano Marittimo

Schianto con la Porsche presa a noleggio, 25enne in carcere per la morte dell'amica: era alla guida dell'auto con una patente falsa

Nel settembre 2017 Giada Russo perse la vita a soli 21 anni. Condannata Martina Mucci, allora 19enne, in merito al procedimento penale instaurato per il reato di omicidio stradale e falso materiale

Lo schianto a 130 km/h contro un albero sulla Vecchia Aurelia, a Donoratico, nel comune di Castagneto Carducci. Il corpo che, nell'impatto, viene proiettato fuori dall'abitacolo e resta immobile a terra. I soccorsi, disperati, risultati purtroppo vani. Morì così, nella notte tra il 23 e 24 settembre del 2017, la ventunenne rosignanese Giada Russo, vittima di un tragico incidente stradale che sconvolse una comunità intera. Adesso, a distanza di oltre cinque anni, a conclusione di un procedimento penale instaurato nel 2017 per il reato di omicidio stradale e falso materiale, è stata arrestata e condotta in carcere la 25enne Martina Mucci, l'amica di Giada che quella notte si trovava alla guida della Porsche 911 Carrera presa a noleggio. 

Secondo quanto raccolto sul momento dai carabinieri di Donoratico, la giovane cecinese, all'epoca del tragico fatto 19enne, era solita noleggiare autovetture di lusso e di grossa cilindrata che conduceva con una patente risultata falsa in quanto mai conseguita. Già nota alle forze dell'ordine per reati contro il patrimonio, i carabinieri di Cecina hanno dunque dato esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dalla procura generale della Repubblica presso la corte d’appello di Firenze – Ufficio esecuzioni penali. Terminate le formalità di rito, la giovane è stata quindi trasferita nella casa circondariale di Pisa dove dovrà espiare la pena di 4 anni e 8 mesi di reclusione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Schianto con la Porsche presa a noleggio, 25enne in carcere per la morte dell'amica: era alla guida dell'auto con una patente falsa
LivornoToday è in caricamento