rotate-mobile
Cronaca

Protesta senegalese, il presidente della comunità: "Mi dissocio dal comportamento di alcuni"

La precisazione di Serigne Modou Ngome dopo la protesta dei suoi connazionali all'ospedale: "Non ne avevano il diritto. Ringrazio il sindaco per la disponibilità ad aiutarci"

Serviva una precisazione. Anche perché, nonostante nell'immaginario collettivo Diop Mbaye sia ancora il rappresentante della comunità senegalese a Livorno, il presidente in carica di fatto è Serigne Modou Ngome. Ed è lui a prendere una posizione ufficiale in merito alla protesta dei suoi connazionali lo scorso 23 gennaio all'ospedale di Livorno, quella che ha mandato su tutte le furie il governatore della Regione Toscana Enrico Rossi, deciso a denunciare l'accaduto in Procura. "Mi dissocio da coloro che hanno creato disturbo all’ospedale di Livorno nei giorni scorsi - dice Serigne Modou Ngome -, appropriandosi di diritti che non possiedono più e coinvolgendo anche qualcuno dei miei connazionali in questa azione. Ringrazio invece il sindaco Filippo Nogarin per l'aiuto e lla disponibilità dimostrata nei nostri confronti, e lo ringrazio per aver fatto riesumare in tempi rapidi il corpo del nostro fratello che così potrà avere un degno funerale”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Protesta senegalese, il presidente della comunità: "Mi dissocio dal comportamento di alcuni"

LivornoToday è in caricamento