Morte al rave in ex Trw, la Lega replica a Sorgente: "Sciacalli noi? M5s taccia, fallimentari le politiche sulla sicurezza"

La capogruppo Costanza Vaccaro e il consigliere Alessandro Perini rispondono alle accuse: "Persa una buona occasione per tacere"

Una tragedia che si è lasciata dietro di sé una lunga scia di strascichi polemici. La morte di Moira Piermarini, la 30enne ritrovata priva di vita nella mattina di lunedì 4 novembre all'interno dell'ex fabbrica Trw, dove nel weekend si era tenuto un rave party, è diventata un caso politico. Fratelli d'Italia e Lega hanno infatti duramente attaccato il sindaco Luca Salvetti, reo, a loro parere, di non aver attuato le idonee misure di ordine e sicurezza per impedire lo svolgimento della festa abusiva, prevenendo così il tragico evento. Polemiche inopportune secondo la capogruppo M5s Stella Sorgente, che ammonisce sulla brevità del "passaggio dalla brutta politica allo sciacalaggio". Accuse alle quali la Lega ha voluto prontamente rispondere.

Vaccaro: "Il M5s ha fallito le politiche per la sicurezza"

 "La consigliera Sorgente ha perso una buona occasione per tacere - ha dichiarato Costanza Vaccaro, capogruppo leghista in consiglio comunale -. Durante l'amministrazione Nogarin-Sorgente, a distanza di 2 mesi, nell'ex Trw si sono svolti ben due rave party e, dopo l'ultimo, un dee-jay è stato accoltellato a morte. È comprensibile dunque la difficoltà di un ex amministratore che ha fallito le politiche per la sicurezza. La Lega - ha continuato - non fa opera di sciacallaggio così come non l'ha fatta ai tempi dell'alluvione, ma non possiamo limitarci ogni volta a commentare, con dolore, tragedie simili. Al quel rave migliaia di giovani per tre giorni si sono sballati indisturbati in un contesto abusivo, insalubre ed insicuro: non ci interessano le politiche buoniste di Sorgente e compagni - ha concluso -, vogliamo provvedimenti per contrastare questi fenomeni, perché la città rialzi la testa dal degrado in cui è caduta".

Morte in ex Trw, il questore: "Impossibile intervenire, la situazione era esplosiva"

Pierini: "Segnalata la gravità della situazione già prima della tragedia"

Parole alle quali hanno fatto seguito quelle di Alessandro Perini, membro della commissione politiche sociali: "Domenica, con i giovani della Lega, ho voluto prendere visione di cosa stesse accadendo dentro lo stabilimento - ha dichiarato - e sulla base di questo, il lunedì mattina, ho presentato un'interrogazione al Sindaco a nome della Lega. Tutto questo prima che l'evento si trasformasse da inaccettabile a tragico. Sorgente dopo 5 anni non si è accorta che la legge individua nei sindaci i responsabili della sicurezza urbana? Allora ecco perché i 5stelle stanno all'opposizione come stavano in giunta: in balìa degli eventi. Per questo rompono un imbarazzante silenzio, segno della mancanza di idee e proposte, solo per accusare di sciacallaggio chi invece si adopera. La Lega - ha concluso Pierini - aveva segnalato la gravità della situazione prima della tragedia: quindi, se c'è qualcuno che dovrebbe tacere, è proprio chi ha approfittato dell'occasione per attacchi sui giornali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Allerta meteo a Livorno per venerdì 15 novembre: previsti temporali e forte vento

  • Cartello offensivo sulla disabilità, ristorante in Venezia al centro delle polemiche: la condanna del Comune

  • Attentato in Iraq, feriti 5 militari italiani: due sono paracadutisti del Col Moschin di stanza a Livorno

  • Allerta meteo a Livorno per martedì 12 novembre: codice giallo per temporali e vento a 70 km/h

  • Droga, maxi sequestro nel porto di Livorno: scoperti 300 kg di cocaina

  • Cartello offensivo, il cuoco-socio prende le distanze dai titolari: "Mi vergogno, ma non c'entriamo né io né lo staff"

Torna su
LivornoToday è in caricamento