menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

È morto Dado Lombardi, il basket in lutto per la scomparsa del 79enne ex cestista e allenatore livornese

Colonna della Virtus Bologna negli anni Sessanta, è stato un pilastro della Nazionale con tre Olimpiadi giocate. In panchina anche due stagioni a Livorno; dal 2007 era entrato nella Hall of Fame della pallacanestro italiana

Lutto nel mondo della pallacanestro per la perdita di Gianfranco Lombardi, per tutti Dado. Nato a Livorno il 20 marzo del 1941, Lombardi è morto nella notte tra il 21 e il 22 gennaio nella sua casa di Cocqui Trevisago, in provincia di Varese, dove ormai viveva da molti anni. Protagonista assoluto del basket italiano, negli anni Sessanta vestì per un decennio intero la canottiera della Virtus Bologna, con la quale non riuscì a ottenere grandi successi risultando tuttavia uno dei migliori giocatori di quel periodo. Due volte miglior marcatore in serie A, prima di passare alla Fortitudo e poi chiudere la carriera a Rieti, è stato inoltre un pilastro della Nazionale (1013 partite e 1243 punti segnati), con la quale vinse l'oro ai Giochi del Mediterraneo del 1963, vestendo la maglia azzurra per tre Olimpiadi, la prima a Roma, nel 1960, quando appena diciannovenne fu inserito nel miglior quintetto ideale dei Giochi.

Lunghissima la carriera da allenatore, con cinque promozioni su diverse panchine in serie A1, che lo vide tornare anche a Livorno dopo gli esordi da giocatore nella PL. Qui, alla guida della Baker (la squadra nata dalla fusione di Libertas e Pallacanestro), rimase due stagioni, la seconda conclusa con un esonero. Ritiratosi nel 2001, dal 2007 è entrato a far parte dell'Italia Basket Hall of Fame.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Sicurezza

Pulizia a vapore: tutti i vantaggi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LivornoToday è in caricamento