rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Cronaca Venezia

Venezia piange la scomparsa di padre Lorenzo Moretti: "Grazie per quanto ci hai insegnato"

Il parroco si è spento a 82 anni e per trentadue è stato nella chiesa di San Ferdinando stringendo un legame indelebile con gli abitanti del rione

Un pezzo di storia del quartiere Venezia si è spento e con lui se ne vanno i ricordi di molti ragazzi, ora uomini, che grazie a quel padre trinitario sono cresciuti. Padre Lorenzo Moretti si è spento, intorno alle 12 di oggi lunedì 25 ottobre, all'età di 82 anni, 32 dei quali spesi come parroco della chiesa di San Ferdinando fino al 2013. Romano di nascita ma veneziano d'adozione, padre Lorenzo si era subito integrato con gli abitanti del quartiere e aveva avvicinato a sé sia credenti che no.

Una figura importante per molti giovani cresciuti grazie ai suoi insegnamenti e che porteranno con loro il ricordo di questo parroco bonaccione, grande tifoso della Lazio, che quando andava a dare la benedizione nelle case aveva sempre una parola di conforto per tutti. È stato l'attuale parroco di San Ferdinando, padre Emilio, ad annunciare la scomparsa ai fedeli nella messa delle 18: "Il nostro fratello padre Lorenzo ci ha lasciato e noi abbiamo suonato le campane a lutto. Sull'altare della Madonna del Buon Rimedio, in suo ricordo, abbiamo messo una bandiera con i colori del Venezia e la sua foto". 

padre lorenzo chiesa san ferdinando0-2

Venezia in lutto per la morte dello storico parroco Lorenzo Moretti: "Ci mancherai"

Molti gli aneddoti che lo legano al quartiere, ma quello che i veneziani ricordano più piacevolmente è la benedizione del gozzo all'interno della chiesa. Sì, quel gozzo intitolato ad Andrea Sgarallino, livornese che combattè contro gli austriaci nel 1849 in difesa della sua città e che fu anche tra i garibaldini della Spedizione dei Mille. Il sacro e il profano quindi uniti sotto un'unica bandiera, quella biancorossa che ogni volta che il gozzo del cavallino rosso vinceva Padre Lorenzo faceva sventolare sul campanile della chiesa accompagnato dal suono delle campane.

Nel 2013 quando fu richiamato a Roma nel quartiere ci fu una sorta di sommossa popolare perché  nessuno voleva che padre Lorenzo lasciasse la chiesa di Crocetta. Alcuni residenti scrissero anche ai padri trinitari per chiedere l'annullamento del trasferimento, ma don Lorenzo spiegò "che era un trinitario e doveva obbedire agli ordini". Oggi tutto il quartiere piange la scomparso di un grande uomo prima che di un bravo parroco: "Ci mancheranno tanto i suoi insegnamenti - il coro unanime del rione -. Grazie per tutto il tempo che hai passato insieme a noi". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Venezia piange la scomparsa di padre Lorenzo Moretti: "Grazie per quanto ci hai insegnato"

LivornoToday è in caricamento