Mostra Modigliani, bilancio positivo. Salvetti: "Successo culturale ed economico"

Oltre 110mila visitatori con una media giornaliera di 1.057, superata l'esposizione al Palazzo Blu di Pisa. Il sindaco: "Messo il primo tassello, adesso occorre continuare in questa direzione"

Quando lo scorso 7 novembre Luca Salvetti e Marc Restellini tagliarono il nastro dando ufficialmente il via alla mostra "Modigliani e l'avventura di Montparnasse", la speranza degli organizzatori era che questa manifestazione - il più grande evento culturale in città dal dopoguerra, come la definì il primo cittadino - raggiungesse la soglia dei 60mila visitatori. Oggi, dopo due mesi e mezzo di esposizione, i numeri raccontano un'avventura ancora più bella. I biglietti staccati, infatti, sono stati 110mila, quasi il doppio rispetto alle attese e la soddisfazione è tutta nelle prime dichiarazioni del sindaco all'indomani della chiusura, avvenuta con un giorno di ritardo proprio per la grande affluenza di pubblico, del 17 febbraio. 

Il bilancio di Salvetti sulla Mostra Modigliani: "Un successo economico in un momento di crisi"

Il sindaco traccia un primo bilancio a caldo sull'esposizione: "Sicuramente è positivo visto che a fronte di una spesa pubblica di 1.250.096 euro c'è stato un incasso di 1.734.234 euro. Questa è la dimostrazione che la cultura può creare lavoro e economia. Naturalmente, in queste cifre infatti non ci sono i ricavi di tutto l'indotto creato intorno all'esposizione come gli incassi di ristoranti, alberghi e negozi che hanno accolto migliaia di visitatori. La mostra di Modigliani è stata sia un successo culturale che economico, arrivato in un momento di crisi".

A novembre e dicembre (gli unici mesi per i quali sono disponibili dei dati ufficiali, ndr) le strutture ricettive cittadine hanno registrato un incremento del 19,94% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Stessi risultati ottenuti anche dalla Casa Natale di Modigliani e dalle associazioni che hanno offerto servizi culturali e turistici come giri in battello ed escursioni. "Questo successo è solo il primo tassello, alla città serve molto altro - ha proseguito il primo cittadino - ma stiamo andando nella direzione giusta".

Riguardo l'apertura di un fascicolo della Corte dei Conti sulle modalità di pagamento ​all'Institut Restellini, Salvetti non ha dubbi: "Al momento non ci è arrivata nessuna segnalazione ufficiale, ma nel momento in cui la guardia di finanza ci chiederà documenti e numeri forniremo tutto con la massima disponibilità e trasparenza".

Le persone in fila all'interno del Museo della Città

I numeri della mostra Modigliani: 110.200 visitatori, 109.840 biglietti staccati. Superato Palazzo Blu

Prima dell'apertura ufficiale della mostra, l'assessore alla Cultura Simone Lenzi, con una battuta, disse che questo evento  doveva servire anche a "dare una mano d'amaranto a Palazzo Blu". Tra il 2014 e 2015 infatti, nella struttura sul Lungarno a Pisa venne ospitata una mostra proprio su Modigliani in occasione dei 130 anni della sua nascita che, in 4 mesi, ospitò circa 109mila visitatori con una media di 805 al giorno. A Livorno, in soli due mesi e mezzo, i visitatori sono stati oltre 110mila con una media di 1.057 al giorno per un totale di 109.840 biglietti staccati: "Il confronto con la mostra di Pisa - sottolinea Salvetti - viene spontaneo vista la vicinanza delle due città. Tuttavia mentre quella di Palazzo Blu è una struttura abituata a organizzare eventi di questo tipo, per noi è stato un battesimo e questo rende ancora più importante il nostro successo. Inoltre, dopo tre mesi, abbiamo una piazza del Luogo Pio più bella con i residenti che, inizialmente scettici, hanno capito l'importanza di questo intervento". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Museo Fattori: pochi visitatori nonostante Modigliani. Lenzi: "Progetti per valorizzarlo" 

Il futuro del Museo della Città: Premio Modigliani, grandi mostre e un nuovo allestimento

La domanda però adesso viene spontanea: cosa accadrà al Museo della Città? Sulla struttura, l'amministrazione ha fatto un grande investimento e adesso si prepara a cambiare volto. Al momento, non verrà allestita nuovamente la collezione precedente alla mostra Modigliani - che comprendeva, tra l'altro, reperti archeologici e opere di artisti livornesi - ma già a marzo, arriverà un grande retrospettiva sul Premio Modigliani, organizzato in collaborazione con Museo Pecci di Prato, con l'assegnazione dei nuovi premi. Nel corso del 2020, poi, verranno realizzate altre due mostre e, a novembre, l'amministrazione ha in programma un nuovo grande evento, al termine del quale si penserà a un allestimento, rinnovato e meno statico, del Museo della Città. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali, il voto in Toscana: preferenze a candidati e liste

  • Rosignano, tromba d'aria scoperchia case e devasta il Circolo Canottieri: diversi feriti. Video

  • Scuola, vietato ammalarsi: il protocollo Covid "imprigiona" le famiglie. Le mamme: "Servono test più rapidi e meno invasivi"

  • Elezioni Toscana, la composizione del nuovo Consiglio regionale: al Pd 22 seggi, 9 alla Lega

  • Allerta meteo arancione, scuole chiuse a Livorno venerdì 25 settembre: previsti temporali, vento e mareggiate

  • Terremoto Livorno, cda dimissionario: i soci isolano Navarra, il futuro è un'incognita. E il presente una vergogna

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LivornoToday è in caricamento