Cronaca

Tartarughe Caretta caretta, nuovi nidi a Bibbona e all’isola d'Elba: i primi piccoli hanno raggiunto il mare

Uno si trova alla fossa Camilla, tra Marina di Bibbona e Castagneto, mentre l'altro è sulla spiaggia di Morcone, a Capoliveri

Continuano, nonostante sia ormai ottobre inoltrato, a nascere tartarughine sulle spiagge della nostra provincia. Nei giorni scorsi infatti due nuovi nidi hanno visto pian piano schiudersi alcune uova, con i piccoli esemplari di Caretta caretta che hanno iniziato a raggiungere il mare. In un caso sulla spiaggia al confine tra Bibbona e Castagneto, alla fossa Camilla, non molto distante da Rimigliano dove alcune settimane fa sono nate 94 tartarughe, nell'altro caso a Capoliveri, isola d'Elba, sulla spiaggia di Morcone.

La schiusa al nido tra Bibbona e Castagneto ha preso il via alcune ore fa, nella notte tra giovedì e venerdì. È il sesto nido deposto in Toscana, come ha spiegato l'associazione Tartamare che segue la situazione ora dopo ora, ed è anche quello posto più a nord nella nostra regione e uno dei più settentrionali nel Mediterraneo. Una storia, quella di questo nido, analoga a quanto accaduto a Rimigliano, con i volontari dell'associazione che dopo la deposizione a Cala Santa Lucia, nel comune di Rosignano, hanno spostato il nido per motivi di sicurezza in un posto più sicuro e al riparo dalle mareggiate. Per adesso da questo nido hanno preso il mare 16 piccole tartarughe. 

Isola d'Elba, tracce di baby Caretta caretta anche a Morcone: "Questi animali non smettono mai di sorprenderci"

Ma le tartarughe non hanno smesso di frequentare neppure le spiagge dell'isola d'Elba. Nei giorni scorsi infatti delle piccole impronte sulla spiaggia prima e la presenza di una piccola tartaruga dopo, in difficoltà, hanno portato a rilevare la probabile presenza di un nido a Morcone, nel territorio di Capoliveri. Come ha fatto sapere Legambiente, potrebbero essere le figlie della grossa tartaruga marina che il 2 agosto, intorno alle 22.30, tentò di nidificare proprio sotto il bar La Scogliera dopo aver risalito la spiaggia illuminata da un faretto. 

Potrebbe anche trattarsi di una nidificazione precedente o successiva a quella del 2 agosto che sembrava fallita, visto che le tracce portano proprio in quella zona.  Le piccole tartarughe, prima di raggiungere il mare, hanno compiuto una deviazione, forse attratte da una luce sulla spiaggia. "È una fantastica notizia – dice Isa Tonso, che organizza i Tartawatcher di Legambiente Arcipelago Toscano – ancora più bella perché inaspettata. È evidente che, nonostante la crescita del disturbo antropico, le tartarughe marine non hanno smesso di frequentare il mare e le spiagge dell'Elba. Questi animali antichi e pazienti non smettono mai di sorprenderci".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tartarughe Caretta caretta, nuovi nidi a Bibbona e all’isola d'Elba: i primi piccoli hanno raggiunto il mare

LivornoToday è in caricamento