Cronaca

Nuovo Dpcm, c'è la firma di Draghi. Chiusura scuole in zona rossa, spostamenti e riaperture: i provvedimenti fino al 6 aprile

Istituti chiusi anche nelle fasce arancioni e gialle se nel territorio si registrano 250 casi di Covid ogni 100 mila abitanti per almeno 7 giorni di fila

Mario Draghi ha firmato il suo primo Dpcm (qui il testo completo) che entrerà in vigore dal 6 marzo fino al 6 aprile. Anche l'attuale premier prosegue nella linea rigida e nel nuovo decreto sono previste misure più restrittive soprattutto nelle zone rosse come la chiusura di tutte le scuole: "La variante inglese ha una fascia di penetrazione nelle fasce generazionali più giovani - sottolinea il ministro Roberto Speranza - e per questo non possiamo correre rischi". I ristoranti continueranno ad avere le saracinesche abbassate la sera e resterà attivo anche il coprifuoco dalle 22 alle 5. Le nuove misure sono state prese nell'ottica di cercare di ridurre il numero di contagi in Italia e scongiurare un nuovo lockdown generale come successe un anno fa. 

Dpcm Draghi, tutte le regole

Chiusura scuole
Il capitolo riguardante l'istruzione è la grande novità rispetto ai precedenti decreti. Il governo ha stabilito che nelle zone rosse le scuole di ogni ordine e grado dovranno restare chiuse. Stessa sorte anche per gli istituti nei territori in zona arancione o gialla dove sarà obbligatoria la didattica a distanza se in quelle zone si registrano 250 casi di Covid ogni 100 mila abitanti per almeno 7 giorni di fila. Il provvedimento può riguardare anche singoli comuni, come accaduto a Cecina, non necessariamente un'intera regione. 

Spostamenti tra regioni
Il divieto di spostamento tra regioni verrà prorogato fino al 6 aprile e, di conseguenza, anche a Pasqua non sarà possibile andare a trovare parenti e amici al di fuori della propria regione. Si potrà "sconfinare" solamente per comprovati motivi di salute, lavoro o necessità e sarà obbligatoria l'autocertificazione. 

Visite a parenti, amici e seconde case
Permessa in zona gialla in ambito regionale la visita in una sola abitazione privata, una volta al giorno, fra le 5 del mattino e le 22. Possono spostarsi due persone più i figli minori di 14 anni. Le stesse regole valgono per la zona arancione, ma solo in ambito comunale. Nelle zone rosse, come ad esempio Cecina, non sarà possibile invece andare a trovare parenti o amici. È consentito recarsi nelle seconde case in zona gialla o arancione (anche se si trovano fuori regione) ma solo al nucleo familiare e soltanto se la casa è disabitata. Tutto questo non è possibile se le abitazioni sono in zone rosse o arancione scuro.

Gli impianti sciistici non riapriranno 

Apertura negozi
I negozi rimangono aperti in tutte le zone, nei weekend invece i centri commerciali resteranno chiusi ad eccezione delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, generi alimentari, prodotti agricoli e florovivaistici, tabacchi, edicole e librerie. Rispetto all'ultimo decreto Conte, in zona rossa dovranno abbassare la saracinesca anche parrucchieri, barbieri e centri estetici. 

Bar e ristoranti
Non ci saranno novità rispetto al passato. Nelle zone gialle i ristoranti sono aperti a pranzo (massimo 4 persone per tavolo a meno che non si tratti di conviventi) ma non a cena, con possibilità di asporto fino alle 22 mentre non ci sono limiti alle consegne a domicilio. Nelle zone arancioni e rosse la ristorazione è sospesa, tranne l'asporto sempre fino alle 22. 

Musei riaperti in zona gialla

Cinema, teatri, palestre e impianti sciistici. 
Altra grande variazione rispetto all'ultimo decreto è la riapertura, in zona gialla, di cinema e teatri a partire dal 27 marzo. Gli spettacoli si potranno svolgere, al chiuso e all'aperto, con posti a sedere assegnati e distanziati nel pieno rispetto delle norme antiCovid. Chiuse invece le sale da ballo, i bingo e le discoteche. Stessa sorte anche per palestre, piscine e impianti di sci. Sarà invece consentito, come sempre, poter svolgere attività motoria all'aperto. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo Dpcm, c'è la firma di Draghi. Chiusura scuole in zona rossa, spostamenti e riaperture: i provvedimenti fino al 6 aprile

LivornoToday è in caricamento