Nuovo Dpcm | Ristoratori e baristi livornesi in protesta a Firenze: "Fateci lavorare e vivere"

La manifestazione è stata organizzata da Confcommercio: "Non chiediamo elemosina, ma un sostegno concreto per andare avanti"

C'erano anche ristoratori e baristi livornesi nella protesta organizzata da Confcommercio e andata in scena ieri mattina, mercoledì 28 ottobre a Firenze, contro le restrizioni previste dall'ultimo Dpcm firmato da Conte, in primis la chiusura alle 18. "Chiediamo rispetto per la sensibilità mostrata fin dall'inizio della pandemia dal settore della somministrazione, per il grande senso di responsabilità degli operatori e degli addetti, per tutti i sacrifici fatti e quelli che siamo ancora disponibili a fare per combattere il contagio e salvare l'economia - le parole della presidente Francesca Marcucci -. Servono misure congruenti e praticabili, per riuscire a ostacolare il virus permettendo la sopravvivenza delle imprese. Non chiediamo elemosine, bensì un sostegno concreto e immediato per salvare un settore che è orgoglio dei nostri territori. Vogliamo vivere e vogliamo salvarci dall'epidemia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pesca sportiva, due livornesi fermati con 48 chili di orate: multa di 8mila euro, il pesce regalato alla Caritas

  • Rosignano Solvay, esplosione in una palazzina: grave una donna

  • Parco del Mulino, conti in rosso e rischio chiusura. L'appello: "Prenotate una pizza da noi per tenere in vita il progetto"

  • Toscana zona rossa, l'ordinanza di Giani: nuove misure anti Covid per spostamenti ed attività

  • Coronavirus: 108 positivi e 10 morti tra Livorno e provincia, 1.351 nuovi casi in Toscana. Il bollettino di giovedì 26 novembre

  • Toscana zona rossa fino al 4 dicembre, Giani: "Ancora un po' di pazienza, poi fino a Natale in zona arancione o gialla"

Torna su
LivornoToday è in caricamento