rotate-mobile
Lunedì, 3 Ottobre 2022
Cronaca

Ospedale di Cecina, troppo caldo nei reparti. FdI: "Inaccettabile suggerire a un paziente di portarsi un ventilatore da casa"

A dare notizia del caso sollevato da una famiglia di Firenze, che ha anche contattato i carabinieri, è stato il quotidiano La Repubblica. Interrogazione in Regione di Fratelli d'Italia che invoca un intervento di Asl

Troppo caldo nei reparti dell'ospedale di Cecina a causa di un impianto di condizionamento che parrebbe non funzionare nella maniera opportuna. Da qui il suggerimento, a una famiglia di Firenze che ha un proprio parente ricoverato, di portare un ventilatore da casa, come denunciato dalla famiglia tramite il quotidiano La Repubblica che ne ha dato notizia nella giornata di oggi, martedì 26 luglio. Le altissime temperature di questi giorni infatti hanno portato la figlia di un paziente ricoverato in medicina a far presente la problematica al personale, che le ha suggerito di portare un ventilatore. Da qui le proteste, la chiamata ai carabinieri e un sopralluogo da parte dei tecnici che avrebbe evidenziato come l'impianto di condizionamento specialmente in alcune stanze dell'ospedale - ultimato nel 1998 - non funzioni nel modo opportuno. 

Fratelli d'Italia: "Suggerire a un malato di portarsi il ventilatore da casa? Inaccettabile, Regione e Asl trovino una soluzione"

Sul caso sono intervenuti anche il consigliere regionale di Fratelli d'Italia Diego Petrucci e la coordinatrice comunale di Cecina, Mirta Merli, che hanno annunciato un'interrogazione. "A Cecina - hanno spiegato -  il problema della scarsa efficacia dell’impianto di condizionamento è noto da tempo ma nessuno interviene per risolverlo, tanto che ad un malato oncologico, secondo la denuncia fatta dalla figlia a mezzo stampa, è stato consigliato di portarsi il ventilatore da casa. Una situazione inaccettabile: questa è la sanità di Giani e Bezzini? Chiediamo chiarezza alla Regione e all’Asl - hanno aggiunto -: l’aria condizionata pesa sulla salute dei pazienti, servono interventi urgenti perché i malati non possono aspettare e continuare a soffrire".

"L’aria condizionata - hanno quindi aggiunto - non è completamente in tilt ma non funziona bene in tutti i reparti e in tutte le stanze, il caldo non aiuta ad affrontare la malattia, anzi è un aggravante. L’ospedale di Cecina è piuttosto recente, la sua costruzione è stata conclusa nel 1998. Non dovrebbe avere problemi strutturali che giustifichino un così mal funzionamento dell'aria condizionata. Sta all’Asl e alla Regione trovare una soluzione - hanno concluso - perché non si può stare in ospedale in condizioni di salute precarie, con la temperatura altissima".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ospedale di Cecina, troppo caldo nei reparti. FdI: "Inaccettabile suggerire a un paziente di portarsi un ventilatore da casa"

LivornoToday è in caricamento