rotate-mobile
Cronaca Portoferraio

Isola d'Elba | Si frattura un polso ma all'ospedale mancano ortopedici, bambino trasferito a Livorno

La denuncia del Comitato Elba Salute: "Il presidio di Portoferraio è sotto organico, colpa delle politiche regionali"

Capita che per una frattura a un polso si debba prendere un traghetto e percorrere altri 90 chilometri in ambulanza per ridurla con un semplice gesso. Capita se, come succede nell'ospedale elbano di Portoferraio, vi sia una cronica carenza di medici nel reparto d'ortopedia, dove la regolare pianta organica ne prevede quattro e dove, invece, se ne trovano al massimo due. Entrambi fuori servizio, tuttavia, almeno nella giornata di domenica 6 febbraio quando al presidio ospedaliero dell'isola si è presentato un bambino, accompagnato dai genitori, con un polso dolorante dopo una caduta mentre giocava con gli amici. È stato a quel punto che la famiglia si è trovata di fronte un reparto sguarnito - indisponibile il medico di turno, assente giustificato il reperibile - e, con grande disagio, costretta a intraprendere un viaggio verso Livorno per le cure necessarie al piccolo, trasportato con un mezzo della Pubblica assistenza.

A denunciare la situazione è un post di Francesco Semeraro del Comitato Elba Salute che descrive l'intollerabile situazione del presidio ospedaliero dell'isola. "Cronoprogrammi mancati, medici non stanziali, infermieri fantasma, apparecchiature fuori uso (vedi la macchina per la panoramica ai denti), alieni e navicelle spaziali: questo - scrive - in pochi punti il resoconto del nostro ospedale. Quello che è successo il giorno 6 febbraio 2022, e badate bene scriviamo 2022 e non 1870, è un fatto gravissimo per la nostra Comunità". Quindi il fatto, come riportato sopra, alla cui gravità si aggiunge il disagio di una famiglia. "Immaginate per i genitori - dice ancora Semeraro dal Comitato Elba Salute -, dopo lo spavento, anche il disagio di dover armare 'baracca e burattini' e trasferirsi a Livorno, magari dover cercare un alloggio per la notte e lasciare il piccolo comunque distante dagli affetti. Anche se in tempo di Covid la parola 'affetti' sembra aver assunto un significato alieno. Bè. che dire - conclude -, un plauso alla gestione regionale per continuare a lasciare l’Isola e gli Isolani soli e "mal accompagnati".

La replica dell'Asl: "Ecco perché il bambino è stato mandato a Livorno"

Riportiamo integralmente quanto dichiarato dall'Asl in merito all'accaduto: "All'ospedale di Portoferraio sono in servizio due ortopedici. Il 6 febbraio entrambi i medici non potevano essere in servizio per improvvisi motivi di salute. Vista la concomitanza delle assenze, per far fronte ad eventuali emergenze sono stati allertati gli altri ospedali di rete per eventuali consulti a distanza e per accogliere casi che avessero richiesto un'assistenza specialistica complessa. Il bambino in questione aveva riportato una frattura scomposta, che non richiedeva solamente una ingessatura ma anche una valutazione per verificare se fosse necessario anche un intervento da parte del chirurgo. La decisione di richiedere una consulenza in presenza è stata dettata dalla giovane età del paziente e dal tipo di frattura". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Isola d'Elba | Si frattura un polso ma all'ospedale mancano ortopedici, bambino trasferito a Livorno

LivornoToday è in caricamento