rotate-mobile
Venerdì, 30 Settembre 2022
Cronaca

Cinema, Paolo Virzì e Anna Magnani protagonisti a Montpellier con una retrospettiva e una mostra

Il regista livornese, erede della commedia all'italiana, sarà protagonista di un evento organizzato dal Centro Cinema di Cesena durante la 41esima edizione del Festival Cinéma Mediterraneen

Paolo Virzì sarà tra i protagonisti della 41esima edizione del Festival Cinéma Mediterraneen. È dedicata al regista livornese, infatti, la retrospettiva "Paolo Virzì, Le Neuveau Maestro de la Comedie Italienne" che ripropone interamente la sua filmografia:  "La bella vita", "Ovosodo", "Ferie d'agosto", "Baci e abbracci", "Caterina va in città", "Ella & John - The leisure seeker", "Il capitale umano", "La pazza gioia", "La prima cosa bella", "My name is Tanino", "N - Io e Napoleone", "Notti magiche", "Tutta la vita davanti" e "Tutti i santi giorni". Ampio spazio, inoltre,sarà dedicato all'attrice simbolo del nostro Paese Anna Magnani, protagonista di una personale dal titolo "Anna Magnani Actrice Eternelle". E proprio a questi due personaggi del cinema italiano di ieri e di oggi sono dedicate anche due mostre fotografiche. L'esposizione – composta da immagini provenienti dal fondo "CliCiak" del Centro Cinema Città di Cesena e frutto del lavoro di alcuni tra i migliori fotografi di scena delle ultime generazioni, tra cui il livornese Paolo Ciriello – offre una testimonianza visiva di come Virzì si muove sul set, non sono rare le immagini che lo ritraggono dietro la macchina da presa, e dell'attenzione e della cura che dedica ai suoi attori durante la lavorazione.

Paolo Virzì, il nuovo maestro della commedia all'italiana

Tra i nomi più importanti dell'attuale scena cinematografica italiana Paolo Virzì, allievo di Furio Scarpelli, è considerato a buona ragione l'erede più importante della commedia all'italiana. "A questo – aggiunge Antonio Maraldi del Centro Cinema di Cesena e curatore dell'esposizione – si aggiunga anche l'elemento autobiografico, Virzì è nativo di Livorno, città toscana dallo spirito sagace, che ha segnato periodicamente la sua produzione. Se la rivisitazione della commedia, con la sua mescolanza di toni – dal comico al drammatico –  e l'immissione di motivi autobiografici, resta il filo conduttore del suo cinema, Virzì ama anche, di tanto in tanto, abbandonare la via maestra per immersioni più dirette in un presente duro e problematico".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cinema, Paolo Virzì e Anna Magnani protagonisti a Montpellier con una retrospettiva e una mostra

LivornoToday è in caricamento