Piombino, sequestrato impianto di demolizione auto irregolare: denunciato il titolare

Operazione dei carabinieri forestali di Livorno. La macchine venivano distrutte senza seguire le norme di sicurezza

I carabinieri forestali di Livorno hanno sequestrato, nella mattina del 21 maggio, un impianto di demolizione auto a Piombino e denunciato il titolare all'autorità giudiziaria per le gravi carenze strutturali e organizzative rinvenute all'interno della struttura. I veicoli venivano demoliti senza rispettare le prescrizioni di legge volte a evitare sversamenti di inquinanti nell'ambiente. Il tutto, stando a quanto raccontato dai militari dell'Arma, il tutto in una situazione caotica e disorganizzata con deposito incontrollato di residui dello smantellamento dei veicoli e stoccaggio di fluidi estratti in modo approssimativo e non conforme alla legge. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Immagine2-3

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Estate 2020, slittano le riaperture dei bagni: "Troppe incognite, poco tempo per organizzarsi". A rischio la stagione ai Fiume

  • Baracchina Rossa multata, lo sfogo del titolare e le scuse dal sindaco: "Siamo esasperati". Salvetti: "Non lucreremo sui livornesi"

  • Truffe internazionali nella vendita delle case, 28 i casi a Livorno: quattro arresti, sequestrate villa e auto di lusso

  • Mare, senza regole il buon senso non basta: Romito invaso dai bagnanti, criticità alla Cala del Leone e nei moletti

  • Coronavirus, il racconto di un livornese in Brasile: "Qui è il caos, contagio fuori controllo nelle favelas"

  • Truffe carte di credito/debito, livornesi vittime di phishing: prelievi non autorizzati da migliaia di euro

Torna su
LivornoToday è in caricamento