rotate-mobile
Cronaca

Biciplan, 7 linee ciclabili di collegamento tra i quartieri e il mare: ecco gli itinerari nel piano urbano di mobilità sostenibile

Negli intenti della giunta comunale previsti nel Pums, anche le greenway da realizzare sulle colline livornesi e le zone 30. Cepparello: "Ottenere i finanziamenti sarà relativamente semplice con progetti già definiti. La ciclovia sul Romito? Dovrà essere spettacolare"

Una rete ciclabile capillare e organica che permetta una mobilità morbida, il godimento di scorci suggestivi di Livorno, limiti l'uso dell'auto e delle emissioni inquinanti, e consenta di raggiungere in bicicletta ogni zona della città e e di arrivare, sempre in bici, dalle varie zone al mare. Sono queste le idee che l'amministrazione comunale ha raccolto per la stesura del Biciplan contenuto nel Piano urbano della mobilità sostenibile (Pums), ovvero lo strumento strategico di pianificazione approvato e deliberato dalla giunta comunale lo scorso 31 dicembre e presentato ieri 14 gennaio in sesta commissione (Vivibilità urbana) dall'assessore alla Mobilità, Giovanna Cepparello, e dall'architetto dello studio Mugnai di Siena, Roberta Ciccarelli, che ha collaborato alla definizione del progetto.  

Biciplan, ecco le 7 linee urbane ciclabili 

Un piano necessario per accedere ai finanziamenti europei e statali previsti per la realizzazione. Nella relazione generale del Biciplan, fase preliminare di un percorso che necessita vari passaggi istituzionali e tecnici per arrivare al progetto definitivo ed esecutivo, sono illustrati sette itinerari ciclabili che prevedono il potenziamento e la razionalizzazione dell'attuale rete di collegamenti tra le diverse parti della città. In pratica, 7 linee urbane ciclabili che disegneranno una nuova mobilità per Livorno, tutte collegate tra loro in modo da raggiungere sempre il mare.

cartinajpg-2

Quattro linee dirette, così indicate:

  • Linea 1 "Litoranea", dal Calambrone al viale Italia
  • Linea 2 "Stazione-Darsena"
  • Linea 3 "Centro-Ardenza"
  • Linea 7 "piazza Mazzini-Scopaia-Ardenza"

e tre anelli che circoscrivono il centro storico:

  • Linea 4 "Primo anello", dal Cimitero dei Lupi al viale Italia
  • Linea 5 "Secondo anello", da via Firenze al viale Nazario Sauro
  • Linea 6 "Terzo anello", dalla stazione al viale Italia

Un piano complesso e ancora in fase di definizione su cui però le idee dell'amministrazione sono chiare e i progetti dello studio Mugnai avanzati: creare vie ciclabili in strade parallele alle arterie principali, per garantire ai ciclisti collegamenti continuativi ma anche di poter pedalare in zone non soffocate dallo smog

Zone 30 e riqualificazione dei quartieri

Laddove non sia possibile costruire piste ciclabili perché le vie sono troppo strette o per altri problemi relativi all'arredo urbano, si ricorrerà alle Zona 30, ovvero verranno identificate alcune strade in cui limitare la velocità e il traffico automobilistico favorendo la mobilità dei ciclisti. Da Corea al Picchianti, da Borgo San Jacopo a Coteto, saranno circa venticinque le zone 30 a Livorno, aree in cui saranno installate segnaletica stradale verticale e orizzontale e mappe che consentano ai ciclisti di orientarsi. Le zone 30 serviranno inoltre alla riqualificazione complessiva del quartiere interessato, come, ad esempio, la zona 30 Garibaldi qui sotto illustrata.

 zona 30 garibaldi-2

Greeway, strade verdi sulle colline livornesi

Nel Biciplan si è lavorato anche per creare greenway (strade verdi), ovvero piste ciclabili che dalle colline livornesi portano alla città e al mare senza interruzioni. Queste ciclovie, che saranno ricavate anche da strade sterrate, saranno utili a chi vive in collina e deve recarsi in centro ma anche per chi vorrà godersi le colline livornesi in bici. 

Ciclovia Tirrenica, da Nizza a Roma passando per Livorno

Alcune piste ciclabili inserite nei Pums e biciplan si agganceranno alla Ciclovia Tirrenica, un progetto internazionale per una ciclabile che unisca Nizza con Roma. Questo dovrebbe, nei piani dell'amministrazione, favorire anche l'afflusso su Livorno di cicloturisti, in grande aumento negli ultimi anni.

Ciclovia Tirrenica a Livorno, accordo Regione-Comune per completare l'opera: le strade interessate

Pista ciclabile sul Romito, Cepparello: "Spettacolare ed attrattiva"

Lo pensa l'assessore alla Mobilità, Giovanna Cepparello, che in sesta commissione consiliare ha risposto alle prime rimostranze delle opposizioni circa la fattibilità e le criticità del progetto. Tra queste, la realizzazione del tratto di ciclovia Miramare-Quercianella, un progetto che l'assessore ha definito spettacolare ma al quale deve essere ancora trovata una soluzione. "La pista ciclabile sul Romito dovrà essere spettacolare e attrattiva - le parole di Cepparello -. Inoltre non si elimineranno posti auto, visto che l'idea è di farla fuori dalla sede stradale".

"Il 70-80% delle ciclabili che abbiamo pensato sono facilmente realizzabili - ha continuato l'assessore -, per il resto servirà un maggior approfondimento per trovare soluzioni alternative, come ad esempio per il viale Marconi dove il grande traffico e la presenza di alberi rende complicato costruire una ciclabile". 

"La la più costosa - ha concluso Cepparello - dovrebbe essere la linea 5 che deve superare l'ostacolo del cavalcaferrovia tra i quartieri della Scopaia e La Rosa. Ma ottenere i finanziamenti dal governo e dall'Unione europea è relativamente facile per le amministrazioni che hanno già dei progetti definiti, vista la grande propensione a livello nazionale ed europeo a investire sui progetti di mobilità sostenibile.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Biciplan, 7 linee ciclabili di collegamento tra i quartieri e il mare: ecco gli itinerari nel piano urbano di mobilità sostenibile

LivornoToday è in caricamento