Tricolore strappato alla Ponceria, Tramonti: "Opera di fascisti di sinistra"

I responsabili ripresi dalla telecamere di sicurezza: sulle bandiere erano riportati alcuni articoli della Costituzione

Due bandiere dell'Italia, contenenti alcuni articoli della Costituzione, sono state strappate dalla porta di ingresso della Ponceria in Venezia nella tarda sera di venerdì 13 dicembre. È stato lo stesso proprietario, Adriano Tramonti, a raccontare l'accaduto sulla propria pagina Facebook definendo gli autori del gesto "fascisti di sinistra".

Un'azione che l'attuale vicesegretario del Pd proprio non ha digerito tant'è che, subito dopo essersi accorto dell'accaduto, ha visionato i filmati delle telecamere di sicurezza del suo locale per identificare i responsabili. Tramonti ha potuto così notare alcune persone che, prima di entrare a prendere da bere, hanno staccato dalla porta le due bandiere gettandole in terra come se niente fosse. Probabilmente gli autori del gesto non hanno gradito la vista del tricolore non soffermandosi sul fatto che al suo interno ci fossero stati scritti alcuni articoli della Costituzione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovato morto a 43 anni, la Leccia piange Alessio Morelli. Il ricordo di una volontaria Svs: "Un bravo ragazzo"

  • Tragedia alla Leccia, 43enne trovato morto in casa

  • Le cinque migliori pizzerie di Livorno

  • Dramma nel ciclismo, muore Walter Passuello: l'ex professionista aveva 68 anni

  • Calciomercato Livorno: acquisti, cessioni e trattative. Gli aggiornamenti della sessione invernale

  • Livorno in vendita, il gruppo argentino: "A Genova da Spinelli? Sì, con la garanzia che non cambi l'accordo"

Torna su
LivornoToday è in caricamento