Coronavirus Livorno, notti di veglie per prenotare un tampone. E in tre minuti si esauriscono i posti disponibili

Appena il portale della Regione pubblica le nuove offerte, le disponibilità si esauriscono in breve tempo e fino alla notte successiva è impossibile tentare nuovamente la sorte. Ecco perché, in molti, sono costretti a ripiegare su presidi più lontani dove tuttavia riescono a prendere un appuntamento per il test

Avete presente l'adrenalina rilasciata quando si prova ad acquistare un biglietto online per l'unica data italiana, fra l'altro con posti estremamente limitati, della vostra star internazionale preferita? Quelle attese spasmodiche davanti a un computer ad aggiornare la pagina sperando di essere uno dei fortunati acquirenti sono le stesse sensazioni provate da centinaia di cittadini nel tentativo di prenotare un tampone regolarmente prescritto dal medico con ricetta. Perché non è vero, come pensavano in Regione, che bastano pochi passaggi e un semplice clic per avere diritto al test molecolare nelle strutture più vicine al proprio domicilio. Ed anzi non è neppure facile che ci si riesca spostandosi di decine e decine di chilometri, considerando la richiesta evidentemente superiore alle possibilità del sistema sanitario.

Caos tamponi, famiglie esasperate tra prenotazioni impossibili e risposte che non arrivano

Lo abbiamo verificato di persona, dovendo prenotare il tampone per un parente, connettendoci al sistema al portale unico regionale attivo dallo scorso 18 ottobre. "Niente più attese e telefonate al cup, niente più code - diceva la Regione -. In totale autonomia e a qualsiasi ora del giorno e della notte, festivi compresi, sarà possibile prenotare un tampone o un test rapido con quattro semplici passaggi, quattro rapide azioni".

tamp-2

Utopia pura. L'unica speranza è piazzarsi davanti al computer poco prima della mezzanotte, aprire il sito https://prenotatampone.sanita.toscana.it/, inserire il codice fiscale, il numero di cellulare e il numero di ricetta elettronica, e iniziare a cercare la disponibilità tra i presidi delle province toscane. Perché le nuove offerte vengono pubblicate ogni notte per il giorno successivo e, dunque, rimettere presto la sveglia potrebbe non essere sufficiente. Anzi, potrebbe non esserlo già più dopo pochi minuti da quando, improvvisamente, la "disponibilità esaurita" (faccina rossa) diventa "molto buona" (verde) o "limitata" (gialla).

È quello il momento in cui bisogna essere rapidi e fortunati a selezionare il distretto, cliccare sul calendario e prenotare. Tre minuti il tempo per riuscirci su Livorno prima del nuovo "semaforo rosso" fino al giorno successivo: dalle 0.04 alle 0.07, ifatti, abbiamo provato una quindicina di volte, respinti sistematicamente dal messaggio "siamo spiacenti, a causa dell'elevata richiesta non è al momento possibile ecc... Si prega di riprovare più tardi". Quel più tardi diventato mai appena tre minuti dopo, appunto.

Meglio è andata prenotando su Cecina, dove il caso ha voluto che riuscissimo a portare a buon fine l'operazione. Giusto in tempo alle 0.08, un minuto prima che, anche lì, i posti andassero esauriti. Alla fine ci siamo sentiti euforici come, dicevamo, se avessimo acquistato un biglietto di Bob Dylan al Goldoni al primo concerto in data unica nell'era post Covid. Una sensazione anormale per un diritto che dovrebbe essere garantito a tutti, in totale autonomia, in qualsiasi ora del giorno e della notte, con pochi passaggi e un semplice clic.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pesca sportiva, due livornesi fermati con 48 chili di orate: multa di 8mila euro, il pesce regalato alla Caritas

  • Rosignano Solvay, esplosione in una palazzina: grave una donna

  • Parco del Mulino, conti in rosso e rischio chiusura. L'appello: "Prenotate una pizza da noi per tenere in vita il progetto"

  • Toscana zona rossa, l'ordinanza di Giani: nuove misure anti Covid per spostamenti ed attività

  • Coronavirus: 108 positivi e 10 morti tra Livorno e provincia, 1.351 nuovi casi in Toscana. Il bollettino di giovedì 26 novembre

  • Toscana zona rossa fino al 4 dicembre, Giani: "Ancora un po' di pazienza, poi fino a Natale in zona arancione o gialla"

Torna su
LivornoToday è in caricamento