rotate-mobile
Giovedì, 6 Ottobre 2022
Cronaca Colline / Viale Vittorio Alfieri

Ospedale, allarme approvvigionamento energetico. Sindacati e azienda: "Una nuova struttura è necessaria"

Oggi, lunedì 25 luglio, verrà effettuato un altro test di stabilità dopo l'abbassamento di tensione elettrica verificatosi venerdì scorso

L'allarme dei sindacati e le rassicurazioni dell'azienda. Ma il pensiero comune al centro della questione è uno: la necessità di un nuovo ospedale. La discussione è stata alimentata dal problema di approvvigionamento energetico alla struttura di viale Alfieri riscontrato venerdì scorso 22 luglio - come raccontato dalla stessa azienda. Un calo della tensione elettrica che ha rischiato di causare varie difficoltà. Fp-Cgil e Uil-Fp sabato 23 hanno lanciato l'allarme spiegando che "la dirigenza dell’ospedale di Livorno è stata costretta a chiedere l’intervento del prefetto per garantire l’approvvigionamento energetico ai reparti e alle sale operatorie: è un fatto di gravità assoluta e che non può passare nel lungo elenco dei problemi da risolvere del nosocomio livornese". La dirigenza di Asl ha ribadito poche ore dopo che grazie ad un intervento nella cabina elettrica dell'ospedale stesso "la situazione è tornata sotto controllo", annunciando che un ulteriore test verrà effettuato oggi, lunedì 25 luglio "quando - tra caldo e livelli di attività - ci saranno le condizioni di massimo stress per gli impianti".

Secondo i sindacati dunque "il campanello d'allarme che è suonato non può non può rimanere un eco superato dalla prossima emergenza, se non ci sono state gravi ripercussioni per l’abbassamento della tensione elettrica è merito del pronto intervento del personale Asl Toscana nordovest e dell’immediata risposta di istituzioni e Enel" che Fp-Cgil e Uil-Fp ringraziano. Le parole dei responsabili tecnici e sanitari sono chiarissime - hanno aggiunto -, quanto accaduto potrebbe ripetersi, e alla base di queste difficoltà c’è la vetustà del presidio ospedaliero di viale Alfieri. La costruzione del nuovo ospedale di Livorno non è più rinviabile, i livornesi, e tutto il territorio provinciale, hanno diritto alla salute e all’interno di un ospedale devono avere la certezza che riceveranno le necessarie cure e la garanzia della propria sicurezza. Si inizi urgentemente la costruzione del nuovo ospedale".

Asl: "Risposta tempestiva a un problema non banale, la configurazione è tornata stazionaria"

L'azienda dal canto suo ha spiegato che l'intervento alla cabina elettrica è stato effettuato "senza interrompere la corrente nei reparti", ed è stata eseguita una riconfigurazione del sistema. "L'esito - hanno aggiunto da Asl - è stato positivo e il quadro è nettamente migliorato". I tecnici infatti hanno verificato nei blocchi e nei padiglioni le tensioni di riferimento e tutti i settori hanno registrato un incremento di almeno il 10% rispetto ai parametri precedenti, "tornando in linea - specifica l'azienda - con quelli minimi richiesti".

Il problema "è stato esterno all'organizzazione aziendale" ha quindi aggiunto Asl che ha sottolineato come sia stata data "una risposta tempestiva a un problema non banale. Adesso la configurazione è tornata stazionaria, con l’auspicio che la temperatura non aumenti e che Enel, come è stato assicurato, mantenga le tensioni di esercizio attuali". "Questo episodio - conclude Asl - è l’ennesima dimostrazione della necessità di realizzare a Livorno un nuovo ospedale, il cui iter sta procedendo".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ospedale, allarme approvvigionamento energetico. Sindacati e azienda: "Una nuova struttura è necessaria"

LivornoToday è in caricamento