Coronavirus Toscana, confermata la proroga per le concessioni balneari fino al 2033

La soddisfazione dell'assessore alle Attività produttive Stefano Ciuoffo: "I titolari degli stabilimenti avranno il tempo necessario per ammortizzare i costi maggiori che inevitabilmente avranno questa estate a causa del Covid-19"

Il ministro del Turismo Dario Franceschini, nel prossimo provvedimento che verrà emanato dal Governo in merito al  all'economia, inserirà anche un passaggio che confermi, come annunciato dalla Toscana in una nota, la proroga al 2033 delle concessioni demaniali marittime e lacustri in scadenza il 31 dicembre 2020. "È un'ottima notizia - sottolinea l'assessore alle Attività produttive della Regione Stefano Ciuoffo -. Concordo e approvo pienamente con questa scelta sulle misure di sostegno all'economia messa in ginocchio dalle conseguenze dell'epidemia da Covid19. Con norme più chiare i Comuni potranno confermare la concessione ai titolari senza ulteriori indugi garantendo così ai gestori stabilità e prospettiva per la loro attività".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La certezza - continua l'assessore - è l'elemento essenziale per fare impresa e in questa situazione lo è maggiormente perché consentirà ai titolari di avere il tempo necessario per ammortizzare i costi maggiori che inevitabilmente avranno questa estate dal momento che si chiederà loro di attrezzare le spiagge secondo le nuove misure comportamentali e di distanziamento sociale. Per il nostro turismo si doveva evitare che i balneari decidessero di non aprire a causa dei maggiori costi perché per la ripresa del settore e dell'economia in generale la stagione estiva è cruciale. Le spiagge chiuse - conclude Ciuoffo - avrebbero determinato un acuirsi irrecuperabile della grave crisi che sta colpendo il turismo e i servizi connessi come la ristorazione. Senza un orizzonte temporale certo che andasse oltre il 31 dicembre, queste imprese infatti non riuscivano nemmeno a farsi erogare dalle banche i finanziamenti necessari le opere necessarie per la stagione estiva alle porte”.   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Delirio in Piazza Attias | Carabinieri e Municipale aggrediti da una cinquantina di ragazzini con calci, bastoni e pietre

  • Tragedia in viale Boccaccio, volontario della Misericordia di Montenero muore a 73 anni dopo un incidente

  • Caos Livorno, tre croci e una testa di maiale sul campo dello stadio: "Pagherete tutto". Indagano i carabinieri

  • Venezia, movida irresponsabile con assembramenti, fumogeni e risse: gli interventi delle forze dell'ordine

  • Coronavirus Toscana, dal 18 ottobre i tamponi si possono prenotare online: ecco come fare

  • Coronavirus Livorno, esercizi commerciali di vendita al dettaglio aperti dalle 6 alle 22: l'ordinanza di Salvetti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LivornoToday è in caricamento