menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Sons of the Ocean)

Foto Sons of the Ocean)

Uniti per il mare, flash mob nazionale di pulizia delle spiagge: appuntamento sabato 30 gennaio dai Tre Ponti ai Rex

L'iniziativa si svolgerà dalle 10 alle 12 sul lungomare di Antignano e su tutto il territorio nazionale. Un'idea nata dall'associazione livornese Sons of the Ocean. Nani: "L'ambiente è a un punto critico, dobbiamo intervenire subito per salvare noi stessi"

Un gruppo di amici che pratica surf, un'associazione ambientalista e ora il primo flash mob nazionale con la partecipazione di 55 associazioni di tutta Italia. Sabato 30 gennaio dalle 10 alle 12 l'appuntamento è sul lungomare di Antignano con la giornata #unitiperilmare, dai Tre Ponti alla spiaggia del Sale fino ai Rex per una pulizia delle nostre spiagge. Non solo a Livorno, come spiga Matteo "Capo" Nani dell'associazione Sons of the Ocean promotrice dell'iniziativa: "Col tam tam sui social abbiamo con sorpresa visto aumentare la partecipazione su tutto il territorio nazionale, da Anzio a Siracusa, dalla Sardegna alla Puglia alla Liguria, sarà una cosa enorme - spiega Nani -. Una galassia di associazioni non solo di surfisti ma anche di ricercatori universitari, scuole di vela, gruppi ambientalisti, uniti dalla consapevolezza che bisogna intervenire e al più presto per salvare non la Terra, che esisteva prima dell'essere umano ed esisterà dopo, ma noi stessi, visto che stiamo operando una sistematica distruzione della natura che ha conseguenze nefaste sulla salute delle persone".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Molo Novo, ai rifiuti ci pensano i Pirati della Plastica 

L'amore per il mare, lo studio delle tematiche ambientali e l'impegno concreto hanno portato Sons of the Ocean, nata soltanto a settembre 2020, a raggiungere obiettivi mai neanche immaginati. Partiti dall'iniziativa "Barattiamo" realizzata in collaborazione coi Pirati della Plastica e appoggiata dalla ex giunta della Regione Toscana, in cui gli esercenti regalavano un gelato o una bibita a chi portava un bicchiere di plastica pieno di mozziconi, Son of the Ocean è arrivata a ottenere riconoscimenti che attestano l'alto valore sociale del lavoro dell'associazione, come il patrocinio del Comune di Livorno e dell'Università di Pisa, la collaborazione con l'Ente Parco di San Rossore e con l'Università di Tor Vergata, l'interessamento del ministro dell'Ambiente Sergio Costa, fino ad arrivare alla grande ricerca sulle microplastiche di cui sabato sarà una tappa fondamentale: "La ricerca, che segue le linee guida dell'Ispra per garantire l'ottenimento di dati scientificamente validi, si articola con la raccolta a terra e in mare - spiega ancora Matteo Nani -. Grazie a un membro dell'associazione abbiamo a disposizione una barca a vela che ci permetterà di raccogliere microplastiche in mare quattro volte l'anno, per mappare l'inquinamento nelle diverse stagioni".

Pulizia spiagge: rimossi mozziconi, plastica e resti di cibo. Cepparello: "Operazione effettuata anche nelle aree verdi"

"Abbiamo comprato una rete manta' con maglie molto fitte - continua Nani - che riescono a intrappolare i piccoli frammenti di plastica, i più dannosi, che entrano per primi nella catena alimentare. Sulla barca ci saranno i professori universitari di Pisa che fanno parte di Sons of the Ocean. I dati a cui giungeremo saranno pubblici e presentati in un modo che sia accessibile a tutti e non solo ai tecnici, perché vogliamo che si espanda la sensibilità sul tema ambientale".

La storia dell'associazione e di Matteo è una favola, tanto da diventarlo davvero: "Grazie ad alcune maestre elementari di Collesalvetti, Stagno e Nugola - racconta Nani - , nell'ora di educazione civica si parla di ambiente e si narra la storia di Matteo che salva una tartaruga marina che per ringraziamento torna tutti gli anni a salutare il 'Capo'. Andrò nelle classi con la tavola da surf e racconterò la mia esperienza di viaggiatore che ha visto come in ogni parte del mondo l'ambiente viene distrutto senza pietà. Penso che sia il miglior modo per appassionare i giovanissimi a un tema che li riguarda da vicino".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Festival di Sanremo, Ibrahimovic in ritardo alla terza serata: "Bloccato in autostrada, accompagnato da un motociclista diretto a Livorno". Video

Attualità

Ultimo concerto, il grido disperato dei Live Club sul palco del Festival di Sanremo: "Senza di noi le città sono più brutte e vuote"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LivornoToday è in caricamento