rotate-mobile
Cronaca

Bologna, prende a sprangate il fruttivendolo e scappa con l'incasso: 18enne residente a Livorno rintracciato e arrestato per rapina

L'episodio alle porte del centro del capoluogo emiliano, in carcere un giovane già noto per precedenti simili reati commessi a Livorno dove risulta residente

È entrato in un negozio alle porte del centro di Bologna con la scusa di acquistare una confezione di patatine, ha aggredito il fruttivendolo con un tubo di ferro colpendolo sulla testa e urlando "Dammi i soldi o ti ammazzo" ed è infine fuggito con un incasso di 300 euro consegnati dal commerciante ferito e spaventato. Una rapina, l'ennesima stando poi a quanto ricostruito dai carabinieri, finita tuttavia con l'arresto di un diciottenne bulgaro residente a Livorno, rintracciato poco dopo aver svuotato il registratore di cassa del minimarket di un cittadino bengalese di 44 anni. Il tutto, come racconta BolognaToday, nel pomeriggio di mercoledì scorso 3 gennaio, quando i militari dell'Arma sono intervenuti in via Cherubini per bloccare il rapinatore che, intercettato dai carabinieri, ha subito ammesso il fatto. Su disposizione della procura bolognese, il giovane è stato quindi portato in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bologna, prende a sprangate il fruttivendolo e scappa con l'incasso: 18enne residente a Livorno rintracciato e arrestato per rapina

LivornoToday è in caricamento