rotate-mobile
Venerdì, 12 Agosto 2022
Cronaca Piombino

Rave party a Piombino, il sindaco: "Feste illegali con largo abuso di alcol e droghe"

Il duro attacco di Ferrari: "I ritrovi sono un rischio per la sicurezza. Grazie alle forze dell'ordine per quanto fatto"

Sono stati 80 i giovani identificati al termine del rave party che si è tenuto nei boschi di Piombino, per la precisione a Marina di Cagliana, nella notte tra il 12 e 13 maggio. Solamente il pronto intervento delle forze dell'ordine ha impedito l'arrivo di altri 200 partecipanti e che la situazione potesse peggiorare. Su quanto accaduto si è espresso il sindaco del comune livornese, Franceco Ferrari: "Grazie a polizia e carabinieri il ritrovo è stato interrotto e i giovani dispersi evitando che la festa non autorizzata degenerasse come, purtroppo, è accaduto in altri casi analoghi non troppo lontano da noi".

"Quello dei rave illegali  - continua Ferrari - è un fenomeno in crescita non solo nella nostra zona: decine, se non centinaia, di giovani e meno giovani si riuniscono, in spregio a tutte le norme, in feste illegali senza controllo. Troppo spesso l'abuso di alcool e di sostanze stupefacenti mette a rischio non solo la sicurezza dei ragazzi coinvolti ma anche di cittadini inermi. Tutto questo non può e non deve essere tollerato: non si tratta di divertimento ma di pratiche illegali che in una società civile devono essere represse. È necessario educare i nostri giovani spiegando loro che divertirsi in maniera sana è possibile".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rave party a Piombino, il sindaco: "Feste illegali con largo abuso di alcol e droghe"

LivornoToday è in caricamento