Borgo, il flop dei cassonetti con tessera: "Sempre aperti e rifiuti ovunque"

La parola a residenti e commercianti per spiegare i problemi che stanno riscontrando con le nuove installazioni: "Quasi tutti rotti, ormai la gente lo sa e viene qui a buttare l'immondizia"

Se Luca Salvetti nel suo "tour civico-elettorale" aveva riscontrato l'annoso problema del porta a porta - e come questo, in centro, generasse rifiuti ovunque soprattutto nelle giornate ventose -, altrettanto sentito è il problema dei cassonetti che si dovrebbero aprire con tessera magnetica ma che in realtà sono spesso rotti. In Borgo, secondo il racconto di residenti e commercianti che siamo andati a sentire, i cassoneti sarebbero sempre "aperti": in piazza Mazzini, via delle Navi e in piazza Giovine Italia, effettivamente, per buttare la spazzatura non serve alcuna tessera.

"Cassonetti sempre aperti, sono rotti da tempo"

La situazione, secondo alcuni abitanti della zona, va avanti da alcuni giorni, come conferma Fausto Amato, residente in piazza Mazzini: "Quasi sempre i cassonetti si aprono senza strisciare la tessera; alcuni sono stati forzati, si possono vedere i segni vicino alla chiusura". Ai cassonetti, armato di tessera e bottiglie di plastica, arriva Marco Spagnoli, residente in via Malenchini: "I cassonetti non funzionano. Io ho la tessera qua con me, la porto sempre dietro ma, da una settimana a questa parte, non la uso più. La raccolta differenziata è giusta, ma sarebbe più opportuno poter venire sempre a conferire e non solo un numero di volte prestabilite".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche Sabrina Costaglioli, residente sugli Scali Novi Lena, sta usufruendo del fatto che i cassonetti sono sempre aperti: "Sono completamente aperti, per noi è un piccolo vantaggio, anche se la raccolta non funziona come si deve. Siamo costretti a tenere i sacchetti in casa, mentre sarebbe più giusto poter venire a buttare la spazzatura tutti i giorni, soprattutto l'umido che siamo costretti a tenere in casa".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

C'è anche qualche commerciante che arriva a buttare i cartoni ai cassonetti, ovviamente senza tessera: "Non l'ho portata perché tanto sono aperti, ormai va avanti così da giorni". La situazione non cambia in piazza Giovine Italia dove arriva Stefano, con il suo sacchetto di umido: "Ormai è quasi una settimana che va avanti questa situazione, non porto nemmeno più la tessera. Il problema è che si è sparsa la voce e che vengono anche persone da fuori a portare i loro rifiuti. Addirittura c'è chi non apre nemmeno il cassonetto e lascia l'immondizia per strada". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Isola d'Elba: avvistato il Khalilah, lo yacht tutto ricoperto d'oro

  • Rosignano, scontro tra camion e auto sulla SR 206: due feriti

  • Mick Jagger sceglie Bolgheri e la Toscana per le sue vacanze estive

  • Coronavirus Toscana, albergo sanitario obbligatorio per i positivi: "Scongiurare il moltiplicarsi di focolai domestici"

  • Casting, cercasi bambine e ragazze per il film sulla cantante Nada: come candidarsi

  • Allerta meteo a Livorno per sabato 4 luglio: codice giallo per piogge e temporali

Torna su
LivornoToday è in caricamento