Raccolta differenziata, Livorno virtuosa. Ma il porta a porta non piace a tutti

Raggiunta quota 65,9%, l'obiettivo è il 75% entro il 2021. Nogarin esulta: "Grazie a tutti", ma in città non tutti sono favorevoli al Pap

Residenti e commercianti: "Idea buona, ma il servizio va migliorato"

Ma cosa pensano residenti e commercianti del porta a porta? Per avere un'idea più chiara siamo andati a fare un giro nei quartieri Venezia e San Marco. L'impressione avuta è che questo servizio sia stato ben accolto dalla cittadinanza ma pecca in alcuni punti che, giocoforza, andranno migliorati. 

Maurizio Gaglio Maurizio Gaglio, residente in via Palestro. Qui il Pap è iniziato da poco più di due settimane: "Sono favorevole alla raccolta differenziata, secondo me funziona bene. I cassoni con la tessera vengono svuotati sempre e sono sempre liberi". Erika Carrino titolare Trattoria Pizzeria La Scarpetta in via Mastacchi: "Mi trovo bene con la raccolta differenziata, non ho riscontrato nessun tipo di problema in questo periodo. Per ora funziona tutto come dovrebbe essere". ​ Micol Borzatta

Di parere differente invece è Micol Borzatta residente in piazza XI Maggio: "Non mi trovo bene con la raccolta differenziata perché non è organizzata bene. L'idea di fare la differenziata è​ inteligente solo che non possono pensare di bloccare le persone con un numero limitato di ritiri. Io ho la tessera e usufruisco dei nuovi cassonetti solo che ripeto, la raccolta con un numero prestabilito di ritiri è organizzata male".

Corrado La Bruna Dello stesso parere Corrado La Bruna, titolare Chalet San Marco, in piazza XI Maggio: "Sono favorevole alla raccolta differenziata fatta in casa, ma qui al bar è un problema. La gente non ha ancora capito come funziona e io tutte le sere dopo aver chiuso locale devo mettermi ad aprire i bidoni e controllare la spazzatura che è all'interno, per vedere che sia stata conferita in maniera giusta.  Bisogna educare le persone, c'è troppa ignoranza".  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Monica Inghilleri Antonio Fidanzi, titolare del ristorante La Volpe e l'Uva, in viale Caprera: "Non mi trovo bene con la raccolta differenziata. I residenti continuano tutti i giorni a buttare nei miei bidoni i loro rifiuti. E poi c'è anche il problema del ritiro: non sempre vengono effettuati e molte volte non vengono rispettati i giorni prestabiliti". Parere negativo anche per Monica Inghilleri, residente in Vicolo delle Lavandaie: "Fatta così la raccolta differenziata non serve a nulla. Io mi pongo una domanda: come mai ogni volta che vado a buttare i rifiuti tutti i cassonetti sono vuoti e l'unico sempre pieno è quello della indifferenziata?". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morte Andrea Matteucci, arrestata la giovane alla guida dell'auto. La Municipale: "Accusata di omicidio stradale, positiva all'alcool test"

  • Tragedia in via dei Pensieri, scooterista di 17 anni muore dopo lo scontro con un'auto

  • Dramma a Collesalvetti: gravissima 30enne investita dal fratello dopo una lite, l'uomo inseguito e arrestato per tentato omicidio

  • Campiglia Marittima, uccide un gatto e lo cucina davanti alla stazione: il video virale indigna la rete, denunciato 21enne

  • Funerale Andrea Matteucci, San Jacopo gremita per l'ultimo abbraccio a "Gas"

  • Tragedia alla Leccia, muore a 39 anni dopo aver accusato un malore davanti alla famiglia

Torna su
LivornoToday è in caricamento