Rosignano, sgominata banda che spacciava droga nei boschi: 11 arresti

Operazione coordinata dai carabinieri. I malviventi sono stati condotti in carcere

Undici persone di origina marocchina sono state arrestate, su ordine della procura di Livorno, per traffico illecito di sostanze stupefacenti. I malviventi, secondo quanto raccolto dai carabinieri di Cecina, Rosignano Marittimo, Santa Luce (Pisa), Riparbella (Pisa) e Lucca, con il supporto dei nuclei cinofili di Firenze e San Rossore, del nucleo elicotteri di Pisa e del Battaglione "Toscana", sono stati ritenuti responsabili di essere a capo di una vera e propria organizzazione criminale dedita allo spaccio di marijuana e cocaina nei boschi di Rosignano. Il provvedimento è stato emesso a conclusione dell'indagine "Colline Bianche", condotta dal Nucleo operativo radio mobile della compagnia cecinese guidata dal capitano Christian Bottacci, avviata all'inizio del 2018. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini, iniziate a febbraio di due anni fa, hanno consentito ai carabinieri di accertare che numerose persone, di origine italiana e straniera, si approvvigionavano, nelle aree boschive del rosignanese al confine con la provincia pisana, di ingenti quantitativi di sostanze stupefacenti destinati alla successiva vendita al dettaglio sul mercato locale. Il gruppo criminale, dedito al confezionamento e alla vendita di cocaina e marijuana, aveva creato nel verde numerosi bivacchi di fortuna dove i malviventi, a rotazione, conducevano i traffici illeciti. Tra gli alberi, inoltre, erano state create delle vere e proprie torrette di avvistamento

Una delle torrette di avvistamento

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per gli appuntamenti con i loro acquirenti, i malviventi avevano a disposizione dei cellulari che gli stessi lasciavano stabilmente all'interno dei loro ricoveri: una sorta di "call center" che il cliente sapeva di poter contattare quando aveva bisogno di rifornirsi di stupefacente. Il volume degli affari, secondo quanto ricostruito dai carabinieri, ammontava a decine di migliaia di euro. Al termine delle indagini, su disposizione del gip di Livorno, le undici persone arrestate sono state condotte in carcere

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Isola d'Elba, avvistato lo "yacht più costoso del mondo": foto

  • Elezioni regionali, Toscana al voto | Exit poll, proiezioni e risultati definitivi: lo spoglio in diretta

  • Elezioni regionali, il voto in Toscana: preferenze a candidati e liste

  • Scuola, vietato ammalarsi: il protocollo Covid "imprigiona" le famiglie. Le mamme: "Servono test più rapidi e meno invasivi"

  • Elezioni Toscana, la composizione del nuovo Consiglio regionale: al Pd 22 seggi, 9 alla Lega

  • Allerta meteo arancione, scuole chiuse a Livorno venerdì 25 settembre: previsti temporali, vento e mareggiate

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LivornoToday è in caricamento