rotate-mobile
Venerdì, 9 Dicembre 2022
Cronaca

È morta la 52enne colta da malore durante un'immersione a Calafuria: era la direttrice dell'Archivio di Stato di Firenze

Sabina Magrini, le cui condizioni erano apparse gravissime fin da subito, non ce l’ha fatta. Dopo i primi soccorsi era stata trasportata all’ospedale di Grosseto per il trattamento in camera iperbarica

Le sue condizioni erano apparse gravissime fin da subito e nella giornata di ieri, lunedì 16 maggio, è arrivata purtroppo la terribile notizia. Sabina Magrini, la sub di 52 anni che nella giornata di sabato scorso era stata colta da un malore durante un'immersione nelle acque di Calafuria, non ce l'ha fatta. La donna, direttrice dell'Archivio di Stato di Firenze, è morta all'ospedale di Grosseto dove era stata trasportata con l'elisoccorso dopo il primo intervento dei soccorritori dell'Svs e della Misericordia, giunti al moletto di Antignano. A dare l'allarme erano state alcune persone che in quel momento si trovavano con lei. La notizia della scomparsa della 52enne, romana di origine e madre di due figli, si è ben presto diffusa negli ambienti culturali dove aveva prestato servizio, e fin da subito sono stati molti i messaggi di cordoglio.

"I colleghi - hanno scritto dall'Archivio di Stato di Pisa - ricorderanno sempre la sua umanità e la sua competenza come studiosa e come pubblico funzionario". Dalla fondazione del Museo Bodoniano (il più antico museo della stampa italiano, con sede a Parma) hanno invece parlato di un "giorno buio". "Raramente - hanno aggiunto - si incontrano persone nelle quali, con naturalezza, si coniugano grandi doti professionali ed umane come quelle che caratterizzavano Sabina. Non potremo mai dimenticare la sua energia, la concreta fattività, la preparazione, il garbo e la gentilezza, la pacata ma ferma capacità di trovare sempre soluzioni ad ogni problema. E sopratutto, il suo sorriso". Altri messaggi sono stati pubblicati dalla Soprintendenza archivistica della Lombardia e direttamente dal ministero della Cultura. 

Giani: "Vicino alla famiglia in questo tragico momento"

Profondo cordoglio da parte del governatore della Toscana: "Sono costernato per le tragiche circostanze che hanno portato alla sua morte. Sabina Magrini era a Firenze dal 2020, due anni nei quali si era dedicata con passione al suo lavoro, dimostrando di essere una guida sensibile e intelligente. Le più sentite condoglianze alla famiglia, a cui va la mia vicinanza in questo momento di grande dolore". 

Franceschini: "Perdiamo un valido dirigente"

In una nota, anche il ministro della Cultura si stringe alla famiglia di Magrini: "Apprendo con dolore e costernazione questa notizia. Sono vicino alla famiglia, agli amici e ai colleghi che, nel corso della sua intera carriera, ne hanno saputo apprezzare passione, professionalità e preparazione. Il Ministero della Cultura perde oggi un valido dirigente". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

È morta la 52enne colta da malore durante un'immersione a Calafuria: era la direttrice dell'Archivio di Stato di Firenze

LivornoToday è in caricamento