rotate-mobile
Giovedì, 6 Ottobre 2022
Cronaca Pontino / Via Scali delle Cantine

Scali delle Cantine | Escrementi, cicche e bottiglie rotte ovunque. Esplode la rabbia: "Una vergogna". Video

La denuncia dei titolari del Megik Cult Livorno che lunedì scorso hanno ripreso lo 'spettacolo' del degrado a pochi metri da piazza Garibaldi

È uno degli scorci più belli di Livorno, ammirato dai turisti e apprezzato da chi vive in città. Ma si tratta anche di un'area particolarmente delicata, spesso alla ribalta delle cronache per episodi di criminalità che si verificano nella vicina piazza Garibaldi. Si tratta degli scali delle Cantine, in particolar modo l'area sottostante dove sorgono attività e altri locali utilizzati da associazioni e sezioni nautiche. La denuncia di degrado e inciviltà in questo caso arriva direttamente dai titolari del Megik Cult, club di musica jazz e blues. Nella mattinata di lunedì scorso, infatti, con tanto di video, hanno documentato la sporcizia e il degrado riscontrato a poche ore dalla domenica sera. 

Immagini nell'ambito delle quali si possono notare decine di bottiglie rotte, cicche abbandonate ovunque e persino escrementi. "Si tratta di un'area che per Livorno dovrebbe essere un salottino - spiega Mery Gianassi, presidente dell'associazione -, i turisti ne sono entusiasti. Ma lo spettacolo al quale spesso e volentieri ci troviamo ad assistere è una vergogna. Bottiglie rotte sulle porte delle cantine o in terra, pericolose per chi volesse portare il proprio animale domestico a passeggiare, cibo avanzato abbandonato e sigarette gettate ovunque, che con un colpo di vento finiscono in mare. Non c'è rispetto, sono atti di inciviltà pura". Il Megik Cult dopo un periodo di chiusura ha riaperto i battenti lo scorso 1 giugno "e da quel momento - prosegue - non abbiamo fatto altro che dare una sistemata e pulire dove possibile. Ma quando il locale è chiuso lì davanti succede ogni cosa". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scali delle Cantine | Escrementi, cicche e bottiglie rotte ovunque. Esplode la rabbia: "Una vergogna". Video

LivornoToday è in caricamento