menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

CupTel Asl, sciopero a oltranza dei lavoratori del call center: "Il nuovo gestore è partito col piede sbagliato"

La mobilitazione riguarda i contratti a seguito del cambio di gestione del servizio, affidato al consorzio CNS. Filcams-Cgil Toscana spiega le motivazioni della protesta: "Troppa rigidità"

È cominciato ieri, giovedì 23 luglio, lo sciopero ad oltranza dei lavoratori e delle lavoratrici del call center CupTel Asl. Lo fa sapere la Filcams-Cgil Toscana spiegando in un comunicato le ragioni che hanno portato a questa decisione, legate al cambio di gestione del servizio "front office", affidato da Estar al consorzio CNS, che dovrebbe partire il prossimo 1 agosto. Per il sindacato, sarebbe emersa una eccessiva rigidità da parte della società cooperativa rispetto all'applicazione di contratti collettivi diversi da quelli attualmente in essere.

Filcams Cgil: "Preoccupati per la nuova organizzazione del lavoro"

"Come Filcams - fa sapere il sindacato - non condividaimo neppure la possibile armonizzazione proposta a compensazione delle differenze retributive previste tra i due contratti in quanto non conforme al previsto percorso che avrebbe dovuto mantenere l'applicazione contrattuale vigente. Teniamo conto che le lavoratrici ed i lavoratori coinvolti hanno già dovuto subire, nel corso degli anni, una variazione contrattuale che ne ha peggiorato le condizioni economiche e normative. Resta inoltre ancora aperto il confronto, che si dovrà svolgere a livello territoriale tra aziende affidatarie, Asl e OOSS, sulla nuova organizzazione del lavoro, tema assolutamente rilevante, per il quale visto anche i tempi ristretti rappresentiamo grande preoccupazione".

"Un servizio così importante non ha bisogno di conflittualità"

Per questi motivi Filcams Cgil Toscana continua a rappresentare le difficoltà di un percorso che "con il necessario buon senso avrebbe avuto esiti condivisi -  continua il sindacato - per cui continueremo a chiedere alle istituzioni e sopratutto a CNS di abbandonare il radicalismo con il quale si è approcciato a questo appalto per iniziare con il piede giusto un servizio di grande importanza sociale che di tutto avrebbe bisogno tranne che di una diffusa conflittualità".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Panettone World Championship 2021, Lorenzo Cristiani vola in semifinale: "Soddisfazione enorme, risultato da condividere con l'intera famiglia"

Salute

Stanchezza primaverile, cause e rimedi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LivornoToday è in caricamento