Sequestrata area archeologica utilizzata come rimessaggio barche

Operazione della guardia di Porto Santo Stefano: al termine delle indagini i responsabili sono stati segnalati all'autorità giudiziaria

I finanzieri della sezione operativa navale delle fiamme gialle di Porto Santo Stefano hanno sequestrato un'area archeologica a "Porto Romano di Maestrale", nel complesso di "Villa Domiziana", in quanto, nonostante fosse soggetta a vincolo paesaggistico, veniva usata impropriamente come rimessaggio barche. Le indagini hanno permesso di individuare due responsabili, segnalati all'autorità giudiziaria, per l'uso dell'area incompatibile con il carattere storico ed artistico del luogo. 
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Romito, grave 15enne livornese recuperato in mare dopo caduta dagli scogli

  • Baracchina Rossa multata, lo sfogo del titolare e le scuse dal sindaco: "Siamo esasperati". Salvetti: "Non lucreremo sui livornesi"

  • Truffe internazionali nella vendita delle case, 28 i casi a Livorno: quattro arresti, sequestrate villa e auto di lusso

  • Mare, senza regole il buon senso non basta: Romito invaso dai bagnanti, criticità alla Cala del Leone e nei moletti

  • Coronavirus, il racconto di un livornese in Brasile: "Qui è il caos, contagio fuori controllo nelle favelas"

  • Bagni Pancaldi, la protesta dei clienti: "Ricattati di perdere il posto in caso di mancato rinnovo"

Torna su
LivornoToday è in caricamento