Maxi sequestro di mascherine irregolari provenienti dalla Cina: denunciato un grossista che le rivendeva alle farmacie

Gli esercenti erano ignari che i dispositivi non fossero conformi alla legge. L'uomo infatti falsificava gli attestati di conformità

Nuovo sequestro di mascherine irregolari da parte della finanza dopo che il 30 giugno ne erano state confiscate oltre 900. Questa volta l'attenzione del Nucleo di polizia economico finanziaria di Livorno ha posto l'attenzione su un grossista di Pontedera (Pisa) che aveva acquistato un grande stock di dispositivi di protezione, circa 200mila, provenienti dalla Cina. Pur sapendo che non fossero conformi in quanto riportavano cetficiazioni CE rilasciate da un ente europeo non accreditato, l'uomo le avrebbe vendute a circa 60 farmacie ed altre attività della Toscana, Liguria, Emilia Romagna, Lazio, Abruzzo, Campania e Sicilia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il commerciante, al fine di eludere i controlli, avrebbe falsificato, secondo quanto scoperto dalla finanza, gli attestati di conformità provocando un grave danno sia agli esercenti che, soprattutto, alla cittadinanza. L'intervento delle fiamme gialle ha fatto sì che 37mila mascherine tipo KN95 (equivalente alla FFP2) fossero immediatamente sequestrate. Il grossista è stato quindi denunciato all'autorità giudiziaria per frode in commercio realizzata con l’utilizzo di documenti falsi e comunque non idonei alla certificazione dei prodotti e aggravata per effetto di vendite di articoli per la tutela della salute illegittime e in condizioni di emergenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piombino, violenta e deruba una 70enne sulla spiaggia: arrestato 35enne

  • Coronavirus, impennata di nuovi positivi: 176 tra Livorno e provincia, 1145 in Toscana. Il bollettino di giovedì 22 ottobre

  • Coronavirus, non rispettano l'isolamento fiduciario e passeggiano per strada: denunciati padre e figlia

  • Livorno, inizia l'era di Giorgio Heller: "Piazza importante, pronti a rinforzare la squadra. Le pendenze? Saranno saldate"

  • Coronavirus nelle Rsa, boom di casi: oltre 100 i positivi tra ospiti e operatori. E Coteto diventa struttura Covid

  • Coronavirus: 109 positivi tra Livorno e provincia, 1290 in Toscana. Il bollettino di venerdì 23 ottobre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LivornoToday è in caricamento