Cronaca Porto

Cuffie e caricabatterie falsi, maxi sequestro in porto di 175mila apparecchiature provenienti dalla Cina

I funzionari delle Dogane hanno intercettato la merce e denunciato l'importatore all'autorità giudiziaria

Circa 175mila apparecchiature elettriche ed elettroniche, per lo più auricolari, caricabatterie e cavi usb per la ricarica di smartphone e tablet, sono stati sequestrati in porto a Livorno dai funzionari dell'agenzia delle Dogane. Ciò a seguito di una approfondita analisi documentale e verifica della merce che, secondo quanto riscontrato, riportava una marcatura 'CE' falsa, sprovvista della documentazione prescritta dalle direttive europee e dalle norme nazionali. 

Porto Livorno, sequestrata una Rolls Royce con interni in pelle di coccodrillo. Foto e video

Le autorità hanno accertato, inoltre, che l'importatore non aveva provveduto, secondo quanto previsto per le societa? che importano e commercializzano tali prodotti, all’iscrizione nel registro Aee istituito. Per questa inadempienza è stata così trasmessa comunicazione alla Citta? Metropolitana di Roma, competente per la sede legale della societa?, al fine dell'irrogazione della sanzione prevista che va da 30mila a 100mila euro, oltre alle altre ammende per lo smaltimento dei Raee secondo quanto stabilito dal ministero della Transizione ecologica in ambito di tutela ambientale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cuffie e caricabatterie falsi, maxi sequestro in porto di 175mila apparecchiature provenienti dalla Cina

LivornoToday è in caricamento