rotate-mobile
Cronaca Piombino

Piombino, spaccia droga in un casolare abbandonato e aggredisce i carabinieri: arrestato

Il giovane, irregolare sul territorio, è stato portato in carcere. Denunciato un 19enne che era in sua compagna ma che si è reso irreperibile

Dovrà rispondere di spaccio di stupefacenti e lesioni a pubblico ufficiale il 23enne di origine straniera, irregolare sul territorio, arestato nei giorni scorsi a Piombino. I carabinieri, a seguito di numerose segnalazioni, si sono portati in un casolare abbandonato in un'area boschiva della periferia del comune livornese dove hanno sorpreso il giovane e un connazionale 19enne che hanno cercato di opporsi in tutti i modi possibili al controllo arrivando ad aggredire i militari dell'Arma. Entrambi, successivamente, si sono dati alla fuga ma il 23enne è stato raggiunto in breve tempo e fermato. A seguito della successiva perquisizione sono stati scoperti e sequestrati: 300 grammi hashish, 5,5 grammi di eroina, 50 grammi di cocaina, 3mila euro in contanti e un bilancino di precisione.

Senza titolo-403

Il tutto era custodito all’interno del marsupio indossato dal giovane quasi fosse una sorta di mercante ambulante di droga ben fornito di ogni tipologia di stupefacente gli fosse richiesta.  Per il 23enne sono scattate le manette e il successivo trasferimento in carcere. Il 19enne invece è riuscito a far perdere le sue trace ed è stato denunciato in stato di irreperibilità. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piombino, spaccia droga in un casolare abbandonato e aggredisce i carabinieri: arrestato

LivornoToday è in caricamento