Cronaca

Rosignano, controlli sulle spiagge: sequestrata merce ai venditori abusivi

Secondo quanto stabilito dal sindaco è vietato il commercio ambulante in forma itinerante sui litorali del comune

foto di archivio

Ciabatte, cappelli, portafogli, bigiotteria e ombrelloni. Questo quanto sequestrato dalla Municipale e dalla polizia di Rosignano durante un controllo congiunto sulle spiagge del comune livornese. Come stabilisce l'ordinanza del sindaco Donati, sui litorali non è ammesso il commercio ambulante in forma itinerante di merce del settore alimentare e non. Gli agenti si sono prima recati al "Lillatro" dove hanno confiscato decine di capi di abbigliamento, giocattoli e un carrello cingolato utilizzato per vendere bibite e gelati.

La merce abbandonata sulla spiaggia è stata confiscata e verrà distrutta decorsi 30 giorni senza richiesta dai proprietari, che in tal caso verrebbero sanzionati per commercio abusivo su area pubblica.
Subito dopo le pattuglie si sono recate a Vada in località "Tripesce", nel litorale antistante l'omonimo Camping ed hanno sequestrato costumi da bagno, teli da spiaggia e un altro cingolato. A tutti i trasgressori verrà inflitta una multa da 2.500 fino a 15mila euro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rosignano, controlli sulle spiagge: sequestrata merce ai venditori abusivi

LivornoToday è in caricamento