rotate-mobile
Cronaca Stazione / Piazza Dante

Fermata degli autobus alla stazione, la denuncia di Usb: "Rischi costanti per gli utenti e violazione delle norme"

Il sindacato ha inviato formale segnalazione alle autorità competenti: "Necessario un intervento immediato e risolutivo"

"Chiediamo un intervento immediato e risolutivo". Così il sindacato Usb conclude la nota inviata nella giornata di ieri a Comune, Regione, ministero dei Trasporti, polizia stradale e polizia municipale in merito alla situazione che si è venuta a creare di fronte all'uscita della stazione di Livorno, lato piazza Dante, dove è presente il frequentato capolinea degli autobus. Per l'organizzazione sindacale, infatti, persistono "irregolarità" che stando a quanto dichiarato, con tanto di foto allegate, non solo violerebbero alcune norme relative alla sicurezza ma farebbero scaturire anche seri rischi per i cittadini. 

Autobus in sosta alla stazione

"Il capolinea - spiegano - è dotato di due sole fermate che rispettano la normativa in materia. Di fatto invece viene utilizzato per la sosta e/o la fermata anche di cinque vetture contemporaneamente. Inoltre le vetture in sosta su quella è che la corsia B si devono fermare ben oltre il marciapiede per consentire ad altre vetture di stazionare in mezzo alla corsia in violazione dell'articolo 352 del regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice della strada (art. 157)". Ma non è tutto. Stando a quanto riferito dal sindacato infatti "anche le vetture che transitano sulla corsia A sono obbligate ad effettuare la fermata in mezzo alla corsia. Subito dopo la fermata del marciapiede vi è un attraversamento pedonale in contrasto  con quanto stabilito dall'articolo 190 punto 6 del codice della strada.  È evidente che l'assenza di marciapiedi e segnaletica orizzontale che delimitano le aree di sosta e fermata, oltre a essere fuori norma, espone l'utenza ad elevati rischi e rende impossibile la salita e discesa di  eventuali carrozzine per disabili".

"Riteniamo grave questa costante e sistematica violazione delle norme"

Per il sindacato Usb la questione non si esaurisce relativamente agli spazi di fronte alla stazione per i bus urbani, ma riguarda anche la sosta di vetture per il servizio extraurbano sul lato nord. "È costantemente occupata da vetture in sosta vietata - dicono - e pertanto di fatto non fruibile. Specifichiamo che per la presenza di turni con soste non retribuite, alcune vetture vengono lasciate  incustodite per decine di minuti in stalli non regolamentari e non delimitati. Questa situazione di totale deregolamentazione venne evidenziata e verificata durante un sopralluogo sul posto con una delegazione congiunta, composta da rappresentanti e tecnici dell'amministrazione  comunale, rappresentanti aziendali e delegati delle organizzazioni sindacali".

Spazio per bus extraurbano

"Riteniamo inconcepibile e particolarmente grave - concludono - che uno dei principali capolinea degli autobus sia  strutturato e articolato sulla violazione costante e sistematica di leggi e norme. Non possiamo più tollerare che una situazione del genere, conosciuta e sotto gli occhi di tutti, venga ancora ignorata e che si continui a imporre ai lavoratori di adottare comportamenti illegittimi per poter svolgere la propria mansione in violazione dei loro diritti e a discapito della sicurezza dell'utenza".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fermata degli autobus alla stazione, la denuncia di Usb: "Rischi costanti per gli utenti e violazione delle norme"

LivornoToday è in caricamento