Strage di delfini, la Regione: "Uccisi dal morbillo, ma l'Italia deve vietare l'uso di DDT"

Dai risultati delle analisi sulle carcasse dei cetacei emerge la presenza di inquinanti organici usati come insetticidi. Fratoni: "Possono abbassare le difese umanitarie, l'Italia firmi la convenzione di Stoccolma"

Che il Morbillivirus dei cetacei (CemV) fosse la causa della strage di delfini nel cosiddetto Santuario dei cetacei (37 le carcasse spiaggiate lungo la costa toscana da inizio anno), lo avevano confermato le analisi batteriologiche effettuate dall'Istituto zooprofilattico sperimentale per le Regioni Lazio e Toscana (IZS) e sottoscritte nel referto dai tecnici del Dipartimento di scienze fisiche terra e ambiente dell'Università di Siena e da Arpat. Un fenomeno impossibile da contrastare anche se, come sottolinea l'assessore regionale all'Ambiente, Federica Fratoni, si potrebbe fare molto di più "circa un altro problema evidenziato dalle analisi di tessuti e degli organi prelevati durante gli esami autoptici dei delfini". Ovvero, la presenza di DDT e PCBs, policlorobifenili organoclorurati di vecchia generazione utilizzati anche come insetticidi ed ancora presenti nel Mar Mediterraneo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Strage di delfini, la causa è il morbillo

Fratoni: "Insetticidi nel mediterraneo. L'italia deve vietarne l'uso"

"La nota dei tre istituti evidenzia livelli elevati di DDTs e PCBs - dice l'assessore Federica Fratoni -. Questi prodotti possono avere un effetto immunosoppressore e dunque possono aver contribuito al diffondersi della malattia ed ai suoi effetti. Per questo faccio un appello al governo perché finalmente l'Italia aderisca alla convenzione di Stoccolma del 2001, che mette al bando gli inquinanti organici persistenti. Il nostro è l'unico Paese europeo a non aver ancora sottoscritto quel patto di civiltà ed è giunto il momento di rimediare a questo errore".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Isola d'Elba, avvistato lo "yacht più costoso del mondo": foto

  • Elezioni regionali, Toscana al voto | Exit poll, proiezioni e risultati definitivi: lo spoglio in diretta

  • Elezioni regionali, il voto in Toscana: preferenze a candidati e liste

  • Elezioni Toscana 2020: candidati, liste, ballottaggio e seggi. La guida completa al voto del 20 e 21 settembre

  • Il Natale da Ghiomelli si farà, negozio pronto alla riapertura. Il titolare: "Dopo l'incendio tutta la città ci è stata vicina"

  • Bufera Livorno, tra Navarra e i soci la tensione è già alta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LivornoToday è in caricamento