Teatro, al "De Filippo" di Cecina l'iniziativa "Un posto per un pensiero" la notte del 15 giugno

Il teatro diretto da Alessio Pizzech sarà il primo in Toscana a ripartire e lo farà con un reading in programma a mezzanotte e cinque

Il Teatro De Filippo di Cecina, come già annunciato, sarà il primo in Toscana ad alzare il sipario, e lo farà con un gesto simbolico programmando il primo spettacolo dell'era "post Covid" per il 15 giugno a mezzanotte e cinque minuti. In cartellone il reading "Poesia degli Ultimi Americani", di Dario Marconcini e Giovanna Daddi, dall'antologia di Fernanda Pivano e altri testi. "Uno spettacolo legato agli anni '70 – spiega Alessio Pizzech, coordinatore artistico del De Filippo -, che ruota attorno al concetto di libertà, un dialogo tra poesia e improvvisazione musicale, impreziosita dalla presenza di due jazzisti, Andrea Lupi e Valerio Perla. Marconcini e Daddi, autori e protagonisti dello spettacolo, sono due figure storiche del teatro toscano, nomination Premio Ubu alla carriera 2019, e tra i fondatori del Centro di Ricerca Teatrale di Pontedera a cui sono particolarmente legato". 

"Un posto per un pensiero", un'iniziativa per riempire idealmente i posti lasciati vuoti a causa del distanziamento

Da lunedì 8 giugno a venerdì 12 il teatro riaprirà la mattina dalle 10 alle 12 e poi il pomeriggio dalle 16 alle 18. Una riapertura necessaria ad organizzare lo spettacolo in programma nella notte tra il 14 e il 15 giugno e per permettere a tutti i cittadini che lo vorranno di portare un disegno o uno scritto partecipando così all'iniziativa "Un posto per un pensiero". "Cartoncini di grandezza almeno 40x30 cm – continua Alessio Pizzech –  verranno sistemati sulle poltrone che dovranno essere lasciate vuote a causa delle norme per il distanziamento. L'idea è proprio quella di popolare i posti che rimarranno vuoti da una comunità di pensieri e parole per cui il mio invito, e quello dell'Amministrazione, è di portarli in questi giorni per poterli posizionare quanto prima per lo spettacolo". 

Protocolli rigidi e distanziamento per ripartire. "Un segnale forte in continuità con l'impegno dimostrato durante il lockdown"

"Naturalmente abbiamo messo a punto uno specifico protocollo – sottolinea l'Assessore Lucia Valori -. L'accesso al teatro sarà possibile da 30 minuti prima dell'inizio dello spettacolo e all'interno potranno accomodarsi un massimo di 120 spettatori, a distanza dove necessario. Ma siamo orgogliosi di poter dire che siamo il primo teatro in Toscana a programmare la riapertura, un segnale importante in continuità con l'impegno portato avanti in questi mesi difficili di permanenza forzata a casa durante i quali abbiamo lavorato a rassegne teatrali virtuali, con la collaborazione di tanti artisti che hanno portato l'arte del teatro nelle case delle persone, attraverso facebook, i computer e gli smartphone". 

L'iniziativa è promossa dall'Amministrazione Comunale in sinergia con Teatro dell'Aglio, soggetto gestore del De Filippo, e con il sostegno di Fondazione Toscana Spettacolo onlus. Biglietto 12 euro, prenotazioni a info@teatrodefilippo.it.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio ghiaccio e temperature sotto zero: a Livorno è allerta meteo per martedì 12 gennaio

  • Coronavirus, l'annuncio di Giani: "La Toscana resta in zona gialla". Novità sugli spostamenti tra regioni, musei e asporto

  • Coronavirus: 79 positivi tra Livorno e provincia, 379 in Toscana. Il bollettino di lunedì 11 gennaio

  • Calciomercato Livorno: acquisti, cessioni e trattative. Gli aggiornamenti della sessione invernale

  • Allerta meteo a Livorno, codice giallo per rischio neve e ghiaccio nella notte tra sabato e domenica 17 gennaio

  • Livorno in crisi, Dal Canto si sfoga: "L'unico obiettivo è evitare l'ultimo posto. Mercato? Non viene niente"

Torna su
LivornoToday è in caricamento