Goldoni, la Cavalleria Rusticana apre la stagione. Lenzi: "Presto un Festival Mascagnano"

Il capolavoro del compositore livornese sarà in scena, per la prima volta dal 1972, con l'opera di Giacomo Puccini "Suor Angelica". Appuntamento il 19 e 20 ottobre

Il cast di Cavalleria Rusticana e Suor Angelica

"Cavalleria Rusticana", capolavoro di Pietro Mascagni, aprirà ufficialmente la stagione del Teatro Goldoni sabato 19  e domenica 20 ottobre. Una produzione realizzata in collaborazione con il teatro Coccia di Novara e il teatro Sociale di Rovigo che porta sul palco, da protagonisti, i cantanti del Mascagni Opera Studio -  l'unico percorso formativo al mondo sul canto verista -  con la regia di Gianmaria Aliverta e la direzione musicale del Maestro Daniele Agiman.

Per la prima volta dal 1972 "Cavalleria Rusticana", che è tra le opere più amate e rappresentate al mondo, sarà in scena non in coppia con "Pagliacci" di Leoncavallo ma con "Suor Angelica", opera di Giacomo Puccini (biglietti da 12 a 40 euro, disponibili in biglietteria, on line sul sito del Teatro Goldoni e su Ticket One). Un dittico interessante anche a dimostrazione della profonda amicizia tra gli artisti. Non è infatti un abbinamento casuale visto che lo stesso Mascagni, il 24 agosto del 1930, inaugurò la prima edizione del Festival Pucciniano con "La Bohème".

Simone Lenzi assessore alla cultura (1)-2

Simone Lenzi: "A presto un Festival Mascagnano"

"In questo momento tutta l'amministrazione sta seguendo l'organizzazione della grande impresa che è la mostra di Modigliani - ha dichiarato l'assessore alla Cultura Simone Lenzi -. L'artista livornese però, è solo uno dei punti di forza di cui la città si deve servire per riallacciare rapporti col mondo intero, e un altro è sicuramente Mascagni. Appena l'affaire Modigliani sarà concluso, inizieremo a lavorare per organizzare un Festival Mascagnano, un evento importante da cui ripartire".

cavalleria rusticana goldoni (3)-2

Il dittico "Cavalleria Rusticana -  Suor Angelica": le due opere diventeranno una sola

L'idea del regista, il giovane ma già affermato Gianmaria Aliverta, è quella di far vivere le due opere in una sola creando, alla fine, un'unica storia che - sullo sfondo di una terra intrisa di religiostà cattolica che non di rado sfocia nella superstizione - racconta di figli strappati alle madri e madri che si piegano al volere di donne più forti. "Spero che questa unione spinga chi la guarda a porsi delle domande, anche sulla condizione della donna", ha spiegato il regista. Lo spettatore sarà accompagnato in un viaggio che si snoda tra la fede e il senso oppressione della Chiesa. Un senso di oppressione che si mostra chiaramente sia nei costumi di Sara Marcucci che nella scenografia di Francesco Bondì, in cui troveremo tanta Sicilia, e soprattutto Palermo.

"Tutto l'impianto scenico nasce dall'idea di far passare l'oppressione della Chiesa che si concentra sull'immagine attraverso la retorica barocca; un'oppressione che fa presa su una povera donna, poco colta e in balìa di credenze e superstizioni". L'opera comincerà quindi con le vicende di Suor Angelica, successive rispetto quelle di Cavalleria e terminerà andando a ritroso di sette anni fino ad arrivare alla famosa Pasqua in cui Suor Angelica diventa una giovane Lola.

Maestro Daniele Agiman: "Il Mascagni Opera Studio è una scommessa vinta"

"Sono felice di tornare a Livorno dopo la messa in scena di Iris due anni fa e di trovare un tale fermento - ha raccontato il direttore d'orchestra -, spesso nei teatri di tradizione c'è più vitalità e voglia di fare che nei grandi Enti Lirici, e la Fondazione Goldoni da anni porta avanti un lavoro di fondamentale importanza mettendo al centro dell'attenzione il verismo come elemento fondante della modernità. Il Mascagni Opera Studio è una scommessa vinta e qui arrivano da tutto il mondo grandi voci che, in poco tempo, spiccano il volo e diventano professionisti". Tra i protagonisti di "Cavalleria Rusticana" e "Suor Angelica" nomi noti come Valentina Boi, Donata D'Annunzio Lombardi, Aquiles Machado e Sergio Bologna e nuove leve che debuttano proprio sul palco del teatro Goldoni come la russa Sofya Yuneeva.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Estate 2020, slittano le riaperture dei bagni: "Troppe incognite, poco tempo per organizzarsi". A rischio la stagione ai Fiume

  • Baracchina Rossa multata, lo sfogo del titolare e le scuse dal sindaco: "Siamo esasperati". Salvetti: "Non lucreremo sui livornesi"

  • Truffe internazionali nella vendita delle case, 28 i casi a Livorno: quattro arresti, sequestrate villa e auto di lusso

  • Mare, senza regole il buon senso non basta: Romito invaso dai bagnanti, criticità alla Cala del Leone e nei moletti

  • Coronavirus, il racconto di un livornese in Brasile: "Qui è il caos, contagio fuori controllo nelle favelas"

  • Romito, grave 15enne livornese recuperato in mare dopo caduta dagli scogli

Torna su
LivornoToday è in caricamento