Teatro Goldoni, in arrivo due direttori e un nuovo incarico per Marco Leone. Salvetti: "Teniamo quello che c'è di buono"

Saranno scelti tra i partecipanti a un bando i due nuovi dirigenti: un direttore amministrativo e un direttore artistico. Leone sarà responsabile di Scenari di quartiere e della candidatura a Capitale della Cultura

Marco Leone è ufficialmente il direttore uscente del Teatro Goldoni ma non si arresta il suo rapporto con il teatro della città. Resterà, infatti, in carica per tre anni in qualità di coordinatore della rassegna "Scenari di Quartiere" e di tutte le attività legate alla candidatura di Livorno a capitale italiana della cultura. Continuerà a curare, in sostanza, le sue creature ma dovrà confrontarsi con la nuova direzione generale del Goldoni che vedrà a capo della struttura due figure distinte: un direttore amministrativo e un direttore artistico, che saranno scelti tra chi invierà la propria candidatura partecipando al bando redatto dopo la modifica dello statuto della Fondazione - bando che rimarrà aperto e visibile sul sito della Fondazione dal 27 luglio per tre settimane -  e che, sottolinea il sindaco di Livorno, Luca Salvetti, "costeranno esattamente quanto le due figure precedenti, ovvero il direttore generale Marco Leone e l'ex responsabile della stagione lirica Alberto Paloscia. Inoltre un risparmio sulle collaborazioni ci consentirà di strutturare meglio anche i progetti che continuerà a curare il direttore uscente".

marco leone-4-2

Lenzi: "Riconosciamo il lavoro di Leone, adesso si apre una nuova fase per il Teatro  Goldoni"

Una decisione, quella di mettere a bando l'incarico, che stava già nelle linee di mandato di Salvetti e che va nella direzione di trovare la giusta dimensione nel rapporto che la nuova amministrazione vuole mantenere con Marco Leone, al quale va riconosciuto il merito di aver preso in mano il Goldoni in un momento in cui viveva una battuta d'arresto e aver lavorato per ricucire un legame forte con i cittadini. "Riconosciamo a Leone il suo lavoro e ci teniamo che prosegua il suo rapporto con il teatro cittadino - è intervenuto l'assessore alla Cultura, Simone Lenzi -, adesso siamo di fronte ad un nuova fase e, ricostruito il rapporto tra il teatro e la città, si apre uno scenario in cui il Goldoni deve riscoprirsi come grande teatro di tradizione, senza cancellare tutto il buono che in questi ultimi cinque anni è stato fatto da chi ci ha preceduti". Una questione, quindi, anche politica che lo stesso sindaco Salvetti ha voluto sottolineare. "La decisione di lasciare a Marco Leone un incarico all'interno del teatro è la risposta a chi pensa che la politica si faccia andando contro a tutto quello che c'è stato prima. La politica può, e deve, tenersi stretto il buono che ha trovato al suo arrivo e da lì ripartire. È una questione di buonsenso".

Leone: "Dirigere il teatro della mia città è stato un privilegio"

E la decisione sembra andare a genio anche al dimissionario Leone. "Rimarrò in carica fino all'arrivo del nuovo direttore, poi mi concentrerò sulle manifestazioni che continuerò a curare - ha dichiarato Leone -. C'è stato un dialogo fin dall'inizio con l'amministrazione e sono sereno e contento per questo nuovo percorso, una mano tesa che mi permette di portare avanti progetti in cui credo molto. Ringrazio chi mi ha chiamato cinque anni fa e chi ha lavorato con me permettendomi di ottenere grandi risultati. Dirigere il teatro della mia città è stato un privilegio, ringrazio chi mi ha accompagnato in questa avventura ma soprattutto ringrazio il pubblico che ha usato il teatro come una casa. Sarà bello restare ancora all'interno del Goldoni".

Tra le cose che caratterizzeranno il nuovo assetto del Goldoni, e che saranno quindi in mano ai nuovi direttori, ci saranno laboratori più produttivi, un riordino dell'attività didattica che vada nella direzione di creare percorsi accademici e di alta formazione, partendo dai corsi già presenti che richiamano oltre quattrocento allievi, e un nuovo rapporto con gli altri teatri cittadini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pesca sportiva, due livornesi fermati con 48 chili di orate: multa di 8mila euro, il pesce regalato alla Caritas

  • Rosignano Solvay, esplosione in una palazzina: grave una donna

  • Parco del Mulino, conti in rosso e rischio chiusura. L'appello: "Prenotate una pizza da noi per tenere in vita il progetto"

  • Tragedia a Piombino, muore a 48 anni davanti alla compagna mentre fa trekking

  • Coronavirus: 108 positivi e 10 morti tra Livorno e provincia, 1.351 nuovi casi in Toscana. Il bollettino di giovedì 26 novembre

  • Toscana zona rossa, l'ordinanza di Giani: nuove misure anti Covid per spostamenti ed attività

Torna su
LivornoToday è in caricamento